27 orizzontali: al re possono dire ciò che vogliono

Secondo Repubblica.it ieri Franceschini avrebbe così commentato lo scudo fiscale sul quale il governo ha posto la fiducia:

Lo scudo fiscale è un condono, uno schiaffo in faccia a tutti gli italiani che rispettano la legge, che pagano onestamente le tasse e che vedono chi ha truffato la legge e chi ha esportato capitali venire premiato facendo rientrare quelle risorse senza conseguenze penali. E per di più pagare 10-15 volte di tasse in meno. E’ una vergogna

Terminata la puntuta presa di posizione, il segretario e gli altri sarebbero tornati alle rispettive bocciofile per proseguire la campagna in vista della primarie, evitando accuratamente di mandare sotto il governo in aula, ovvero facendo in modo che lo scudo fiscale superasse la pregiudiziale di costituzionalità.

Scriveva Spinoza ieri

Oggi è il compleanno di Berlusconi. Agitazione nel Pd: non sanno più cosa regalargli

Per fortuna che qualcuno ha continuato a pensarci anche dopo la chiusura dei negozi.

1 commento su “27 orizzontali: al re possono dire ciò che vogliono”

  1. franceschini, bersani , d’alema… grazie anche alle vostre assenze lo scudo fiscale è passato.
    Che schiferia di gente che tocca votare.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: