Con la sinistra, poi…

Pare che un gruppo di appassionati (di cosa non è dato sapere) abbia scoperto in Circus di Charlie CHAPLIN una figura femminile che parla al cellulare.

Da lì all’identificarlo come un iPhone il passo è breve e proporzionale al livello di onanismo cui si è dediti. L’unica certezza è che essendo l’oggetto impugnato con la sinistra non si tratta di un iPhone 4.

tutto questo mi fa ha fatto venire in mente una cui battevo i pezzi in IV liceo.

Io ripetente; la pupa era una di 1,5 m ma con tutte le cosette a posto.
Testa compresa, visto che mi preferì uno che la portava regolarmente in sala giochi dove era specializzato nel record al flipper che fa i rutti.

Comunque costei diceva di amare la pittura di Kandinskij, che a me non faceva (e non fa) né caldo né freddo; ma sapete gli ormoni come sono. Metteteci un esponente positivo e maggiore di uno rapportato all’età.

Quindi colsi l’occasione di una mostra sul nostro, e offrii i biglietti (anche quelli dell’autobus).

Guardando le tele, ad un certo punto credette di vedere un paesaggio urbano; lo riconobbe, disse, dalle antenne della TV svettanti su dei cubi dagli spigoli neri e sfondo grigetto che non potevano che essere palazzi.
Il tutto virava al seppia. Smog.

Essendo il quadro del 1924 o giù di lì, pensai alla famosa battuta di Tomàs MILIAN rivolta tra sé e sé sulla commessa di un gioielliere che cercava di ingraziarsi:

Vabbeh, ho capito va: mejo che me faccio ‘na sega

Desistetti.

* * *

Immagine da http://www.teknemedia.net/magazine_detail.html?mId=1162

1 commento su “Con la sinistra, poi…”

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: