Sgonfiare prima di riporre

Pare che nemmeno questo sappia fare:

Il porno di Sara Tommasi, finalmente, è uscito. Noi amanti del porno attendevamo questo momento con impazienza. Stuzzicati per anni da Max e GQ, calendari arrapanti, pubblicità e quant’altro, abbiamo resistito a comprare il dvd di Sara solo perché acquistarlo sarebbe stato immorale. Ce l’hai gratis nel giro di un giorno, giusto il tempo che qualcuno lo metta online, comprarlo è contro i principi razionali. Ecco, da rappresentante della categoria dei pornomani, farò una confessione: questo è un brutto porno, è mal recitato.

Non le resta che politica… attiva.

Da: Per una teoria del porno scadente (di Sara Tommasi) | Questoblog

Humbrol

Barattolo di vernice Corel Painter 12 Anniversary Edition: Scarica la versione di prova.

Da: Barattolo di vernice Corel Painter 12 Anniversary Edition – Celebriamo i vent'anni del software per l'arte digitale

P.S.: chi non ha mai fatto modellismo non può capire il titolo :)

Magari

Sul ruolo di certi figuranti messi in certe posizioni ufficialmente apicali nei partiti dai loro aventi causa, si è detto molto.
Una cosa che si dice spesso è che costoro sono dei buffoni.

Siccome il buffone era l’unico che poteva dire al capo quello che voleva, beh, il paragone mi pare quantomeno azzardato.
Questi devono solo annuire.

Immagine da http://www.ivid.it/fotogallery/ismod_index.php?i_section=detail&i_categoria=1&i_id=47099

Minacons

Il Codacons intende tutelare la salute dei minatori milanesi:

Vecchi motori da miniera.
Giusto per inquadrare la vicenda nei termini corretti e senza strumentalizzazioni, vale la pena ricordare che la ricerca dell’Oms, sulla quale il Codacons ha basato la sua azione, è stata effettuata osservando un campione di oltre 12 mila minatori esposti ai gas di scarico dei vecchi motori diesel utilizzati negli anni Ottanta in otto miniere negli Stati Uniti, motori che con i moderni turbodiesel non hanno più in comune nemmeno il combustibile: il progresso tecnico ha permesso di ridurre i consumi (e di conseguenza le emissioni di CO2) e di tagliare quasi completamente le emissioni inquinanti.

Da: Salute – Senza senso il sequestro dei diesel – Quattroruote.

Mirafiori Outlet

“Qui non c’è futuro” questa è la reazione di molti operai Fiat, all’annuncio che entro la settimana prossima si fermerà la produzione di Idea e Musa. “Su questa linea” – spiega Paquale Loiacono, sindacalista Fiom – “lavorano più di 2500 operai, mentre sulla Mito circa 1600”. Numeri che non permetteranno di tenere aperto lo storico stabilimento torinese senza una nuova vettura. Sergio Marchionne aveva promesso come contropartita al referendum dello scorso anno, una nuova auto da produrre a Torino, ma nei giorni scorsi ha anche annunciato l’intenzione di chiudere uno degli stabilimenti italiani della Fiat. Intanto a Mirafiori i lavori per una nuova linea produttiva sono fermi e gli operai spaventati e inquieti per il futuro

Da: Mirafiori verso la fine: stop a Idea e Musa – Il Fatto Quotidiano TV.