Dovrei odiarlo

Chi mi conosce, sa che come perfezionista e cacacazzi Steve Jobs mi faceva un baffo.

Quindi prendete questo libro e provate e leggerlo senza stramaledire chi l’ha composto, chi l’ha editato (nessuno?), chi l’ha allestito, chi ha corretto le bozze (nessuno?), chi ha fatto la scansione di immagini a stampa con relativa pixelatura, moiré ed ogni altro artificio possibile, chi dopo la scansione di un’immagine sulla legatura di due pagine affiancate ha tentato un vergognoso recupero della prospettiva con Photoshop, o forse con PowerPoint visti i risultati.

Bisognerebbe stramaledire anche chi ha messo le didascalie a quelle figure inutilmente brutte (visto che in larga parte sono disponibili sul sito stampa della casa), inventando di sana pianta macchine mai esistite, invertendo con metodo il nome di due modelli affiancati, sbagliando persino la sequenza di numerazione in una pagina. Roba di seconda, eh?! i numeri da uno a dieci.

Bisognerebbe odiare un autore che volendo fare le pulci all’Alfa Romeo, lo fa con un libro pieno di refusi, di contorsionismi grammaticali, di appunti sparsi senza nessuna voglia di stare assieme, di citazioni sbagliate (la Giulia Coupé GT Junior Z(agato) non è mai stata prodotta?) o di citazioni corrette ma di sé stesso1.

Uno che parla di inciampi altrui e non fa altro che metterne assieme una quantità industriale e venderli rilegati male con una terza di copertina piena di rughe.

Dovrei odiare uno che ha preso dei soldi da me per questo e per aver detto che l’Alfa 90 come l’Arna è una delle cose peggiori fatte dall’Alfa.

Invece Gianni CHIZZOLA ha ragione in quasi tutto quel che dice in Alfa Romeo croce e delizia (ISBN 9788845611582).
Non ve lo anticipo, perché vale pena leggerlo.
E la pena c’è, è uno dei libri peggio allestiti che abbia letto.
Tutto di un fiato.

* * *

  1. eDue – Targata UD

Immagine da http://www.alfaromeopress.com/gallery/detail/986 appunto.

4 pensieri riguardo “Dovrei odiarlo”

I commenti sono chiusi.