Terremoto, dopo sentenza la commissione Grandi Rischi si dimette – Il Fatto Quotidiano

Terremoto, dopo sentenza la commissione Grandi Rischi si dimette

Il presidente e fisico Luciano Maiani: “Non vedo le condizioni per lavorare serenamente”. Intanto scienziati statunitensi e giapponesi criticano il verdetto di condanna del Tribunale italiano. Ma Boschi ammette: “Lo scopo della riunione era quello di dire che non si potevano prevedere i terremoti, l’ho capito dopo”

Perché invece si posso no prevedere e non ce l’ha mai detto nessuno?!

Terremoto, dopo sentenza la commissione Grandi Rischi si dimette – Il Fatto Quotidiano.

2 pensieri riguardo “Terremoto, dopo sentenza la commissione Grandi Rischi si dimette – Il Fatto Quotidiano”

  1. Gli scienziati USA e giapponesi avranno le solite notizie di quarta mano e mal tradotte. Ma Boschi omette di dire che quella riunione era stata imbeccata da Bertolaso e i nostri “scienziati” non ci sono andati con il fucile puntato. Se rileggi l’inchiesta di Giuseppe Caporale sull’Espresso c’è di che rabbrividire. Altro che “la scienza finisce in carcere” come titolava fino a poco fa l’Annunziata Post.

    1. La categoria di questo post è non a caso “Fattate”.
      Non sto entrando nel merito, perché non ho elementi, ma dico che il titolo scelto (anzi l’occhiello) è risibile.

      Poi ribadisco, non ho letto la sentenza e men che mai le motivazioni, ma SE il concetto fosse che non hanno saputo prevedere il terremoto, sarebbe da TSO.
      SE fosse uguale in modulo ma opposto in segno, ovvero che hanno detto che il terremoto non ci sarebbe stato, allora altre che sei anni; ma è per lo stesso motivo, ovvero che se non è certamente sì, non è certamente no.

      Lungi da me esibire certezze basate sulla stampa, ed io di quella parlavo.

      Sull’Annunziata non parlo, perché non ci sono parole; quanto all’HP, vale il famoso spot di Yoplait; con conclusioni opposte…

I commenti sono chiusi.