L’impatto ambientale dell’ambientalismo in mano ai privati

Secondo Lars Haltbrekken, presidente di “Amici della Terra“, il più antico gruppo ambientalista norvegese, le tecniche di separazione e riciclaggio dei rifiuti adottate dalla Norvegia hanno anche degli effetti negativi: «Da un punto di vista ambientale è un problema enorme. C’è pressione per produrre sempre più rifiuti, fintanto che si ha la possibilità di assorbirli». In un’ipotetica gerarchia di obiettivi da raggiungere per il rispetto dell’ambiente, sostiene Haltbrekken, produrre meno rifiuti dovrebbe essere al primo posto, mentre generare energia dai rifiuti dovrebbe essere all’ultimo.

Da: A Oslo c’è carenza di rifiuti | Il Post.

3 pensieri riguardo “L’impatto ambientale dell’ambientalismo in mano ai privati”

  1. Ma se non ricordo male le direttive europee sui rifiuti dicono: 1) non produrre rifiuti 2) riutilizzo 3) riciclo …. n) inceneritori. (Che poi sarebbe naturale buon senso…)

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: