PNG Preparator 0.1

pp

Il rilascio di IconCreator 0.1 Droplet2 come Software libero del Roam1 ha avuto un buon riscontro.

Ed io a domandarmi come chi lo usa potesse sopportare questo:

Nominatele nello stesso ordine in questo modo:

icon_16x16.png
icon_32x32.png
icon_32x32@2x.png
icon_128x128.png
icon_256x256.png
icon_512x512.png
icon_512x512@2x.png

Create una cartella con un nome a piacere seguito da .iconset, ad esempio cartella.iconset.
Trascinateci dentro le immagini che avete creato.
Duplicate le immagini seguenti con CMD – D:

icon_32x32.png
icon_256x256.png
icon_512x512.png

Nominatele nello stesso ordine in questo modo:

icon_16x16@2x.png
icon_128x128@2x.png
icon_256x256@2x.png

La vostra cartella deve contenere dieci immagini:

icon_16x16.png
icon_16x16@2x.png
icon_32x32.png
icon_32x32@2x.png
icon_128x128.png
icon_128x128@2x.png
icon_256x256.png
icon_256x256@2x.png
icon_512x512.png
icon_512x512@2x.png

No, dico, ma io che ho fatto l’informatico perché sono pigro, mi sarei rotto i coglioni già solo a leggerla una cosa del genere.

E infatti ho automatizzato tutto il processo che leggete qui sopra (eccetto la creazione delle icone, ed un giorno se volete vi spiego il perché è bene così).

Ed ecco PNG Preparator 0.13.

Ce ne sono due versioni, entrambe contenute nel download, ed una è una droplet.

* * *

  1. Roam – Conoscere Possibile: Software
  2. eDue – IconCreator 0.1 Droplet
  3. Roam – Conoscere Possibile: Software: PNG Preparator 0.1

Rilasciata Debian 7.0 “Wheezy”

128

Dopo mesi di costante sviluppo, il progetto Debian è orgoglioso di presentare la propria nuova versione stabile 7.0 nome in codice “Wheezy”.Questa nuova versione di Debian comprende svariate caratteristiche interessanti come il supporto multiarchitettura, vari strumenti specifici per la creazione di cloud private, migliorie nell’installatore e un set completo di codec e programmi multimediali che eliminano la necessità di usare repository di terze parti.

Il supporto multiarchitettura, uno dei principali obiettivi per il rilascio di “Wheezy”, consentirà agli utenti Debian di installare pacchetti creati per architetture diverse sulla stessa macchina. Quindi ora si può, per la prima volta, installare sulla medesima macchina pacchetti creati per le architetture 32 e 64 bit e avere le relative dipendenze risolte automaticamente nel modo corretto.

Il processo di installazione è stato ampiamente migliorato: Debian può ora essere installata usando la sintesi vocale, utile per le persone affette da disabilità visive che non usano un dispositivo Braille. Grazie al lavoro congiunto di un gran numero di traduttori, il sistema di installazione è disponibile in 73 lingue, delle quali più di una dozzina è disponibile anche sotto forma di sintesi vocale.Inoltre, per la prima volta, Debian supporta l’installazione e l’avvio usando UEFI per i nuovi computer a 64-bit amd64, nonostante non sia ancora disponibile il supporto per “Secure Boot”.

Da: Debian — Notizie — Rilasciata Debian 7.0 “Wheezy”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: