Due grandi assenze

Alla WWDC Apple ha preso molto per il culo (Cook compreso) il buon Forstall, oggetto di cappotti continui e nemmeno troppo velati.

Però non ha presentato nulla di nuovo, a parte un Mac Pro di forma opportunamente cilindrica visto che nella sua presentazione è ricorsa la parola ass, che non si sa né quando sarà commercializzato, e né quanto costerà: il nulla.

A parte iOS7 che completa la migrazione a webOS1 di Palm come opera postuma, dal quale sono presi pari pari gran parte degli elementi di interfaccia a partire dal multitasking a schede, che come detto più volte c’è sempre stato ed è solo stato esposto sempre più agli utenti (a tutti e tre intendo, la maggioranza delle persone non sa nemmeno cosa sia), e sarà disponibile later this year. Il nulla.

A parte OS X Mavericks che, sorpresa, non è detto che sia “OS X 10.9” e fine delle novità. Il nulla.

Due cose sole potevano essere davvero utili per gli utenti e non si sono viste:
1) l’antispam sulla posta per i dispositivi iOS, e invece manco per cazzo continueremo a fare swipe fino alla slogatura dei pollici su penis sempre più enlarged
2) una fottutissima, stracazzo di basetta di carica con connettore Lightning per la macchina.

E badate che cito due cose che non riguardano la politica commerciale di Apple, come ad esempio il perché per spostare una foto dal Mac all’iPad debba fare il contorsionanista (è sottile, non è un errore), ma due cose che non andrebbero a disturbare il sonno del buon Steve. Ah già lui era quello che sticazzi quello che vogliono gli utenti.

Perfetta continuità col passato, dunque; ma il futuro?
No, non ho detto gioia…

* * *

  1. eDue – webOS.net
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: