California regulator seeks to shut down ‘learn to code’ bootcamps

A handful of California coding bootcamps are fighting for survival after receiving a stern warning from regulators.

Unless they comply, these organizations face imminent closure and a hefty $50,000 fine. A BPPE spokesperson said these organizations have two weeks to start coming into compliance.

In mid-January, the Bureau for Private Postsecondary Education (BPPE) sent cease and desist letters to Hackbright Academy, Hack Reactor, App Academy, Zipfian Academy, and others. General Assembly confirmed that it began working on this issue several months ago in order to achieve compliance with BPPE.

MORE: California bootcamp will work with regulator: ‘Whatever the cost — it’s worth it to satisfy the state’ (interview)

BPPE, a unit in the California Department of Consumer Affairs, is arguing that the bootcamps fall under its jurisdiction and are subject to regulation. BPPE is charged with licensing and regulating postsecondary education in California, including academic as well as vocational training programs. It was created in 2010 by the California Private Postsecondary Education Act of 2009, a bill aimed at providing greater oversight of the more than 1,500 postsecondary schools operating in the state.

These bootcamps have not yet been approved by the BPPE and are therefore being classified as unlicensed postsecondary educational institutions that must seek compliance or be forcibly shut down.

California, ya know?! 2.0, Silicon Valley, Facebook, Twitter, Apple, right?!

Ecco, veniteme a rompe ‘r cazzo con “in America a ‘stora giravo con lo yacht, per strada”…

Da California regulator seeks to shut down ‘learn to code’ bootcamps | VentureBeat | Education | by Christina Farr.

.deutschetourenwagenmeisterschaft

Da ieri anche i privati cittadini possono registrare il loro dominio con i nuovi TLD1.

La cosa bella è che a parte forse un paio su settecento (ad esempio .map e .sex), non solo questi nuovi non aggiungono nulla al valore di un sito, ma spesso lo rendono virtualmente irraggiungibile per l’alto rischio di errori di battitura. I vecchi TLD, infatti, nati in un epoca in cui tutto era al risparmio nell’ambito dell’informatica, erano a due caratteri quelli regionali (ad esempio il nostro .it) ed a tre quelli settoriali (.edu, .com, .net, ecc.).

Adesso che le estensioni hanno nomi di una ventina di caratteri (non sorprenderà che quelli tedeschi stravincano a mani basse, alcuni con l’umlaut, poi, che libidine), sarà solo più complicato farli entrare sulle insegne e sui biglietti da visita:

.allfinanzberater
.vermögensberater
.allfinanzberatung
.northlandinsurance
.northwesternmutual
.travelersinsurance
.vermögensberatung

Alcuni, poi, probabilmente creeranno dei mostri, come ad esempio i TLD che sono in realtà nomi commerciali.
Se ad esempio prendiamo .audi, intanto che indirizzo avrà il sito del produttore omonimo?

audi.audi?
info.audi?
car.audi?
my.audi?

A parte essere brutti, invertono la logica che c’è sempre stata finora nel ricordare che la parte significativa del sito era il secondo livello.
E poi non è chiaro a chi siano riservati.
Perché immagino che se non lo fossero, accadrebbero cose tipo

fuck.audi

e così con tutti gli altri, ovviamente.
Per i meno fantasiosi c’è anche

.sucks

Infine capisco e condivido il fatto che il pianeta non è più USAcentrico, ma

.商城
.商店
.商标
.嘉里

non vanno oltre i confini territoriali per lo stesso motivo ed in più mi creano un problema logico, perché se la lingua è scritta in colonna, o da destra a sinistra, che senso ha un dominio scritto in riga e da sinistra a destra.

Insomma, boh.

* * *

  1. New TLD List 2014 – New Top Level Domain Extensions – New TLDs 2014

GBrator?!

Google will keep the Nest group intact inside the company. The new division will still work on hardware devices, but not necessarily thermostats or smoke detectors. In fact, Google would like Fadell to work on gadgets that make more sense for the company. Will it be a phone or a tablet?

Da Nest Team Will Become Google’s Core Hardware Group | TechCrunch.

Pendiamo adesèmpio un lavoatòe del Guatemala

Sarà quest’ultimo ad elaborare il paletto del 3% sul Pil, nato però, per sua stessa ammissione, senza alcuna base scientifica: «Prendemmo in considerazione i 100 miliardi del deficit pubblico di allora. Corrispondevano al 2,6 % del Pil. Ci siamo detti: un 1% di deficit sarebbe troppo difficile e irraggiungibile. Il 2% metterebbe il governo sotto troppa pressione. Siamo così arrivati al 3%. Nasceva dalle circostanze, senza un’analisi teorica».

Aujourd’hui en France Le Parisien rivela un altro virgolettato di Abeille: «Abbiamo stabilito la cifra del 3 per cento in meno di un’ora. È nata su un tavolo, senza alcuna riflessione teorica. Mitterrand aveva bisogno di una regola facile da opporre ai ministri che si presentavano nel suo ufficio a chiedere denaro […]. Avevamo bisogno di qualcosa di semplice. Tre per cento? È un buon numero, un numero storico che fa pensare alla trinità».

L’altro giorno c’era gente che si lamentava perché in un’università pubblica italiana si è tenuta una lectio magistralis sull’esorcismo, ma nessuno che lo faccia per l’esistenza della facoltà di economia.

Da Parla l’inventore della formula del 3% sul deficit/Pil: «Parametro deciso in meno di un’ora, senza basi teoriche» – Il Sole 24 ORE.

Agronimi

Come scrivevo qui sotto nei commenti ad un altro post, vorrei far notare che il cambio di ragione sociale che ha portato da Fiat Group Automobiles a Fiat Chrysler Automobiles ha comportato un cambiamento del relativo acronimo da FGA a FCA.

Ecco.

Per gli amanti del complotto

Alcuni di voi sanno che in queste ore il M5S sta facendo ostruzionismo alla Camera nel tentativo di evitare la conversione del decreto 30 novembre “Disposizioni urgenti concernenti l’IMU, l’alienazione di immobili pubblici e la Banca d’Italia”, perché non condivide la parte relativa alla Banca d’Italia.

Ora la realtà è che la vicenda IMU è talmente desolante da qualunque punto di vista la si guardi (compreso quello di chiamarla TASI e ricominciare daccapo), che non è pensabile ci sia dietro nessuna altra cosa che non sia il navigare a vista, e che si sia arrivati alle ultime ore utili per la conversione se non per pura sciatteria o mancanza di qualunque abilità o capacità.

Però i soldi dell’IMU servono, e questo lo sanno tutti.
Ecco, se alla fine, gigliottina1 o meno si arrivasse a non convertire il decreto, sarebbero tutti contenti.

Sarebbero contenti quelli del M5S, perché potrebbero dire ci aver ottenuto la mancata conversione relativamente alla parte Banca d’Italia; sarebbe contento l’asse PD – FI che potrebbe impugnare questa cosa contro il M5S citando solo la parte relativa all’IMU ed usandola come strumento di propaganda; sarebbero contenti i comuni d’Italia che alla fine vedrebbero arrivare una parte dei proventi IMU (che a questo punto si dovrebbe pagare, almeno relativamente alla seconda rata) e sopratutto quelli che sono in mobilità, CIG e simili per i quali l’IMU costituirebbe una copertura bastevole per almeno sei mesi.
Tanto più che avendo posto la fiducia sul testo dei tre decreti assieme (IMU, immobili e BdI), non pare vero che il governo possa poi ridecretare sugli stessi argomenti a pena di vizio di costituzionalità.

In altri termini, se non fossimo in presenza del parlamento più sgangherato dopo le Wacky Races2 di Dastardly e Muttley, gli amanti del complottismo (che si smentisce da sé necessitando di menti finissime) potrebbero dire che il tutto ha come unico scopo quello di mettere le mani in tasca a noi dando la colpa ognuno agli altri a turno.

Una specie di roulette russa fatta coi cetrioli.

* * *

  1. Che cos'è la "tagliola" – Il Post
  2. Wacky Races – Wikipedia

How I Lost My $50,000 Twitter Username

I had a rare Twitter username, @N. Yep, just one letter. I’ve been offered as much as $50,000 for it. People have tried to steal it. Password reset instructions are a regular sight in my email inbox. As of today, I no longer control @N. I was extorted into giving it up.1

Ora, la storia merita di essere letta, ma merita di essere letta con molto giudizio.
Alcune conclusioni sono ad dir poco strampalate

Use an @gmail.com for logins. You can use the nicer custom domain email for messaging purposes, I still do.

altre ovvie: da quando Kevin MITNICK2 pubblicò L’Arte dell’inganno tutto dovrebbero sapere cosa significa ingegneria sociale. Ma dovrebbero anche sapere che il metodo primario per carpire informazioni segrete è: chiederle.

Segnalo che in Italia, proprio per la nostra arretratezza, siamo un pelo più sicuri, in merito agli argomenti del post dell’autrice.

* * *

  1. How I Lost My $50,000 Twitter Username — Medium
  2. Kevin Mitnick – Wikipedia

Boh Logo

d_rgb_positive

The three letters in the logo are grouped in a geometric configuration inspired by the essential shapes used in automobile design: the F, derived from a square, symbolizes concreteness and solidity; the C, derived from a circle, representing wheels and movement, symbolizes harmony and continuity; and finally, the A, derived from a triangle, indicates energy and a perennial state of evolution.

The logo’s design lends itself to an extraordinary range of symbolic interpretations. It uses a versatile, modern language capable of expressing continuous change without losing its core identity.

Da Fiat and Chrysler adopt a new logo – FIAT Space.

35,00 €/mese

Estonia:1.350.000 anime, mucche comprese, collegate in Banda Larga – Presa Diretta 27 gennaio 2014 – YouTube.

Aggiornamento

Rinnovo patenti, altolà dei medici. Cronaca di un paese bloccato | AutoDifesa.

Featùre stunnanti

Schermata 2014-01-27 alle 14.39.31

Mi taccio volutamente su usefulità, performanza e reliabilità della pagina da cui l’ho tratto e che ho discoverato dai referral delle visite.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: