Io non li capisco

Nuovo Multijet per la Giulietta. Gli amanti della compatta del Biscione potranno richiederla anche col nuovo 2.0 JTDM da 175 CV, abbinato al doppia frizione TCT. Il Multijet di seconda generazione è stato ottimizzato per ridurre consumi e rumorosità e, secondo i dati dichiarati, con i suoi 350 Nm di coppia massima a 1.750 giri consente alla Giulietta di raggiungere i 219 km/h di velocità massima e di toccare i 100 all’ora da ferma in 7,8 secondi. I consumi medi promessi sono nell’ordine dei 4,4 l/100 km, con emissioni di 116 g/km di CO2. Il nuovo 2.0 JTDM è disponibile per gli allestimenti Distinctive ed Exclusive, con prezzi a partire da, rispettivamente, 30.450 e 31.900 euro.

Adesso che la Giulietta ha a listino la 150 CV con 380 Nm di coppia massima (e qui un WOW, ci sta tutto), e posto che l’aumento di potenza (sono i 150 CV, la potenza) sarà tutto dedicato a compensare la normativa Euro 6, mi domando che senso abbia presentare la 175 CV (i +5 sono per lo stesso motivo) con 350 Nm di coppia.
E mi rispondo che il motivo è che siccome la 175 CV ha il TCT a differenza della 150, e siccome quel TCT regge fino a 350 Nm, per poterlo reintrodurre in gamma, in modo da poter dire ce l’ho, hanno ben pensato di mutilare la versione top, con una trasmissione vecchia.
Che peccato.

Da Alfa Romeo – Novità in arrivo per MiTo e Giulietta – Quattroruote.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: