Quelli che solo l’EIAR, oh yea

Come sapete non leggio più Il Fatto da anni, almeno da quando è divenuto organo di partito non richiesto (nel senso che loro leccano, ma la controparte li insulta: credo ci sia del patologico1).
Ma Massimo MANTELLINI2, a quanto pare ha più stomaco di me e continua.
Dice che su Il Fatto c’è un’intervista a Casaleggio (e com’è?!), nella quale costui afferma:

Ma noi non abbiamo bisogno di farlo, perché i nostri messaggi sono virali di per sé, dunque veri, e si diffondono da soli. Quelli degli altri, palesemente falsi, hanno bisogno di un supporto di truppe àscare, pagate magari 5 euro al giorno.

Massimo giustamente si occupa di quella parte relativa a perché i nostri messaggi sono virali di per sé, dunque veri, ovvero della tipica forma di inferimento del nulla a partire dal niente, ben teorizzata da Frankfurt nel suo saggio “Stronzate”3.

Io qui vorrei invece occuparmi delle truppe àscare4, citare le quali aggiunge quell’aurea di latinorum alle stronzate di cui sopra, ma che ha un vago sapore da MinCulPop.
Come tutto il resto in questo spiccio di millennio che pare ricalcare paro paro il XX secolo.

* * *

  1. eDue – I Gatti di www.VicoloMiracoli
  2. Casaleggio e i messaggi virali – manteblog
  3. Stronzate. Un saggio filosofico – Wikipedia
  4. Àscari – Wikipedia
Annunci

2 pensieri riguardo “Quelli che solo l’EIAR, oh yea”

I commenti sono chiusi.