iPonPon

Cuffie

Il successo delle cuffie realizzate da Dr Dre e Iovine è stato sicuramente uno dei motivi che hanno spinto Apple all’acquisizione, anche se non il principale. Beats nel 2013 ha ottenuto ricavi per circa un miliardo di dollari dalla vendita dei suoi prodotti e ha costi di produzione molto bassi. Secondo il New York Times sono necessari appena 14 dollari per produrre cuffie come quelle di Beats, vendute nei negozi a 200 dollari. La società ha spese per il marketing molto alte, ma comunque dalla vendita di ogni paio di cuffie ottiene ottimi margini.

Si dice che un iPhone costi 295 USD a chi lo produce, e pare che il 5 s abbia sfondato il muro dei 300. Chiaro, no?!

Da Perché Apple ha comprato Beats – Il Post.

5 pensieri riguardo “iPonPon”

  1. Credo la principale ragione dll’operazione sia il servizio streaming.. ma – soprattutto – è ingannevole parlare di cuffie “come quelle”… ci sono in vendita cuffie “che assomigliano” a quelle… ma non suonano come quelle. Neanche lontanamente. L’articolo del NYT fa un discorso generale sulla fascia premium, e correttamente segnala le Grado, vendute in una confezione inguardabile, di design antiquato e discutibile… ma che hanno un rapporto qualità del suono/costo invidiabile.

    1. Si lo so stanno dicendo tutti la stessa cosa: lo fanno per lo streaming.
      Ma allora ti compri Spotify, o simili.
      E poi Apple su i servizi internet è un po’ come Re Merda, tutto quello che tocca…
      No, non mi convince.
      Secondo me non compri uno che fa cuffie e streaming se vuoi lo streaming.
      E poi Apple fa parecchio ferro, sa bene quali sono i margini su quello. Così come sa pure che se lo streaming va male (e chissà toccato da lei…), vendi sempre a 200 USD quello che ti costa 14.
      Allora sì gli dai un senso.

      1. Probabile. Ma “quelle” cuffie premium non costano 14 USD.. . il margine dovrebbe essere poco più favorevole di un iPhone.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: