Mancano solo ANAS, AISCAT e Autostrade per l’Italia

bondi

Dura anche la risposta dei sindacati, che parlano dell’aumento come di una “provocatoria iniziativa di Apple Italia. Un’operazione di pura mistificazione della realtà mirata a confondere i consumatori e a mantenere inalterati i propri ingenti profitti, spesso realizzati attraverso l’utilizzo di manodopera a basso costo”, affermano da Slc Cgil, FisTel Cisl, Uilpauil, Ugl Comunicazioni, ConfSAL Cida e Cisal .

I sindacati, tutti questi qui sopra, non si sono mica incazzati con Franceschini, ma con Apple che provoca e mistifica, perché pubblica dati veri, nel ribaltare le tasse sui clienti.
E poi nessuno s’incazza con Seagate o Kingston?
Nessun “sindacalista” incazzato con HGST o Lenovo?!

Da Apple provoca Franceschini, l’equo compenso a carico dei consumatori.

* * *

Immagine: Apple – Press Info – Product Images & Info.

3 thoughts on “Mancano solo ANAS, AISCAT e Autostrade per l’Italia”

  1. Davvero geniali… la cosa preoccupante è che sembranno davvero convinti, non gli viene da ridere mentre lo dicono…quando ci dimostreranno che le seguenti accise sui carburanti (per quanto minime) sono a carico delle compagnie e che non ricadono sugli automobilisti…
    0,001 euro per la guerra di Abissinia del 1935;
    0,007 euro per la crisi di Suez del 1956;
    0,005 euro per il disastro del Vajont del 1963;
    0,005 euro per l’alluvione di Firenze del 1966;
    0,005 euro per il terremoto del Belice del 1968;
    0,051 euro per il terremoto del Friuli del 1976;
    0,039 euro per il terremoto dell’Irpinia del 1980;
    0,106 euro per la missione in Libano del 1983;
    0,011 euro per la missione in Bosnia del 1996;
    0,020 euro per il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004;
    da 0,0071 a 0,0055 euro per il finanziamento alla cultura nel 2011;
    0,040 euro per far fronte all’emergenza immigrati dovuta alla crisi libica del 2011.

  2. Fra l’altro a me sembrava di aver letto che questa tassa a carico delle aziende fosse falsa, non solo come logica – che non bisogna essere Einstein per arrivarci – , ma anche come forma. Cioè nelle legge non c’è mica scritto che la tassa _non_ deve essere ribaltata sui consumatori.

    A parte queste spigolature, i sindacati fanno veramente una pessima figura. L’unica speranza è che i negozianti e/o i produttori indichino esattamente l’ammontare della tassa nel prezzo finale. Che il consumatore sappia a chi vanno i suoi soldi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...