Sono i musei ad essere over-65

Da dove proveniva la maggior parte delle opere esposte alla mostra? Dal museo Archeologico nazionale di Napoli (308.387 visitatori nel 2013, biglietto 8 euro). Certo, qualcuno dirà, Londra è molto più visitata di Napoli, quindi i numeri riflettono soprattutto la comodità della location. Può essere vero in parte, ma è anche vero che molte delle opere e reperti esposti alla mostra del British sono nascosti nei depositi del museo Archeologico di Napoli, non sono mai stati visti dal pubblico. Tirarli fuori, portarli a Londra e inserirli in una narrativa affascinante, grazie anche a un allestimento tecnicamente all’avanguardia, è stato piuttosto semplice. Perché non è mai venuto in mente a nessun amministratore culturale italiano? Quello che è stato spacciato da qualcuno come una vittoria in trasferta della cultura italiana, a me sembra piuttosto un fallimento.

Scrivete a rivoluzione@governo.it.

Da Internazionale » Opinioni » I musei non sono una cosa da vecchi.

Tra i ruderi dell’industria italiana

Voi due sapete bene che di Repubblica in genere si potrebbe fare sapone, ma se e quando fanno qualcosa come questa, va dato atto a chi l’ha fatta e a chi l’ha consentita.

Testi e video valgono il tempo che dedicherete loro: Tra i ruderi dell’industria italiana – Inchieste – la Repubblica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: