Non è inverosimile, purtroppo

Schermata 2014-07-30 alle 17.02.50

Dalle Home di Repubblica.it, ça va sans dire.

Si esce poco la sera, compreso quand’è festa

Cambiano le tariffe per la sosta a pagamento. L’Assemblea capitolina ha dato il via libera, martedì 29 luglio, alla delibera che prevede il ritocco di 50 centesimi per parcheggiare un’ora nelle strisce blu. Si passa da 1 euro ad 1,50 euro, tariffa valida in tutte le aree sia all’interno delle zone a traffico limitato, sia fuori dalla ztl. Sarà però consentito anche lasciare l’auto per un quarto d’ora, pagando così 20 centesimi. Proprio sulla tariffa di 0,20 euro e sul tempo minimo di 15 minuti saranno tarati tutti i parcometri. Resta poi la possibilità per i veicoli elettrici o ibridi di parcheggiare gratuitamente, così come la sosta non si paga nelle aree tariffate in prossimità degli ospedali, ma in questo caso con un limite di 3 ore. Verrà ampliato anche il numero di spazi riservati alle donne in gravidanza e alle mamme di bambini entro un anno di età.

Le novità non si fermano all’aumento di 50 centesimi. Escono di scena le tariffe agevolate: la giornaliera che consentiva di lasciare l’auto nelle strisce blu per otto ore con una spesa di 4 euro, nonché l’abbonamento mensile da 70 euro.

La delibera 58/2014, che definisce le nuove tariffe per la sosta tariffata, è uno dei provvedimenti collegati al bilancio di previsione 2014 di Roma Capitale. Nella seduta dell’Assemblea capitolina che l’ha approvata, è passata all’esame dell’Aula con 28 voti favorevoli e 9 contrari.

I mezzi pubblici continueranno a funzionare come prima, la città sarà sempre più vuota in favore di wine bar ed uffici da incravattati d’agosto, i bus turistici continueranno a parcheggiare dove vogliono, i parcheggi saranno sempre occupati da nomadi che non schiodano da anni, i parcheggiatori abusivi saranno sempre più convenienti.
Anche i preti potranno sposarsi, ma soltanto a una certa età.

Da Sosta, nuove tariffe per le strisce blu.

Alfa Romeo – È ufficiale: a ottobre partono i lavori per la riapertura del museo di Arese

MuseoAreseQR

Questa è davvero la volta buona, la notizia che tanti appassionati aspettavano da tre anni: la Fiat e la Sovrintendenza dei Beni Culturali hanno raggiunto un accordo per la riapertura del Museo Alfa Romeo di Arese. Da settimane si era riavviato il tavolo di trattative interrotto a marzo, quando il Tar aveva rigettato l’istanza di annullamento del vincolo sul Museo presentata dalla Casa, rimandando tutte le decisioni all’udienza per la discussione del merito del provvedimento, fissata per il 24 ottobre prossimo. Da quel momento, si era interrotto il dialogo tra Torino e il ministero, incoraggiato anche dalla Regione Lombardia, che più volte si era espressa in favore della riapertura della collezione.

Immagine e testo da Alfa Romeo – È Ufficiale: A Ottobre Partono I Lavori Per La Riapertura Del Museo Di Arese – Quattroruote.

* * *

Vedi anche Alfa Romeo | eDue.

PUM

Stanno aprendo un PIM vicino alla PAM.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: