Mozilla annuncia gli annunci

At Mozilla we know that developers are the cornerstone of the Web, that’s why we actively push standards and continue to build great tools to make it easier for you to create awesome Web content and apps.

When building for the Web, developers tend to use a myriad of different tools which often don’t work well together. This means you end up switching between different tools, platforms and browsers which can slow you down and make you less productive.

So we decided to unleash our developer tools team on the entire browser to see how we could make your lives easier.

Anche Mozilla annuncia gli annunci, insomma.
Vedremo di cosa si tratta, sperando che non sia FF con FireBug precaricato.

Sotto l’annuncio dell’annuncio c’è un video pieno di braaammm, che vi risparmio, almeno qui.

Da The First Browser Dedicated to Developers is Coming | The Mozilla Blog.

La Grande Guerra

Il generale Armando Diaz, comandante delle forze armate italiane, comunicò la vittoria e la fine della Guerra con un bollettino: «La guerra contro l’Austria-Ungheria che l’Esercito Italiano, inferiore per numero e per mezzi, iniziò il 24 maggio 1915 e con fede incrollabile e tenace valore condusse ininterrotta ed asprissima per 41 mesi, è vinta.

Che poi è il motivo per cui la chiamiamo la Grande Guerra, perché è l’ultima che abbiamo vinto.
Ma l’abbiamo vinta?

I resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti del mondo, risalgono in disordine e senza speranza le valli che avevano disceso con orgogliosa sicurezza». L’armistizio non fu però un successo per l’Italia. Sebbene gli accordi iniziali prevedessero per l’Italia l’annessione di Trentino, Tirolo meridionale, Venezia Giulia, l’intera penisola istriana (esclusa Fiume), una parte della Dalmazia, alcune isole dell’Adriatico, le città albanesi di Valona e Saseno e il bacino carbonifero di Adalia in Turchia, oltre alla conferma della sovranità su Libia e Dodecaneso, le nazioni della Triplice Intesa decisero di non concedere all’Italia tutti i territori promessi.

No, dopo tenace e sanguinosissima pugna, dove aver resistito resistito resistito, con fede incrollabile ed altre cose così, la Triplice Intesa (il Regno Unito, la Francia e la Russia) ci dettero un buffetto sulle guanciotte e ci dissero di tornare a giocare ai soldatini senza rompere troppo i coglioni.

E questa è la Grande Guerra, pensa le altre.
Dedicato a tutti quelli che pensano che questo paese sia stato grande e oggi, signora mia, guardi come siamo ridotti, mica come allora, eh.
Ci salva solo l’essere la più grande portaerei statunitense nel Mediterraneo.

Da Cosa successe il 4 novembre – Il Post.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: