Ma quanti anni ha?

La Darraq aprì lo stabilimento al Portello (Milano) nel 1906, e vendette all’A.L.F.A. nel 1909; solo nel 1918 divenne Alfa-Romeo.

Ne segue che se vogliamo far corrispondere l’Alfa Romeo ad un compleanno, quello di quest’anno è il 98° da quando è apparsa la scritta Romeo e il 110° da quando esiste l’A.L.F.A.

In nessuno dei due casi si capisce come possa essere domani il 106° dell’Alfa Romeo.

Alfa Romeo Nuova Giulietta 1.6 JTDm 120 CV TCT Super

Giulietta@Amato

La Giulietta (Progetto 940) è stata presentata a maggio del 2010, leggermente rivista per i difetti di gioventù nel settembre dello stesso anno e ne è stata presentata una seconda serie nel 2014, con modifiche estetiche esterne che l’hanno imbruttita, ed interne che l’hanno leggermente migliorata. Nel marzo del 2016 hanno annunciato la terza serie.
Se questa fosse stata nel solco della precedente, sarebbe stata la fine di un modello che deve durare ancora un paio d’anni, in attesa delle SUV su base Giulia, e della sua erede sullo stesso pianale della sorella maggiore.
Non poteva essere solo un restyling, non sarebbe stato sufficiente; lo hanno fatto, certo, ma le vere novità sono tutte invisibili o quasi ad un primo sguardo.

Cosa cambia

Intanto vediamo in cosa i sei anni di produzione e tre serie hanno cambiato questa macchina.
La prima cosa che salta subito all’occhio (forse dovrei dire all’orecchio), sedendosi al volante della terza serie della Giulietta, è la silenziosità.
La macchina pare la stessa, a parte qualche modifica estetica, ma dentro, col motore acceso è un’altra cosa.
È molto più silenziosa in tutto, in tutti gli usi, in tutte le circostanze.
Ho una mia teoria in merito, ma ne riparliamo.

Le schiume dei sedili, adesso sono quelle dei sedili in pelle che equipaggiavano variamente le Exclusive.
Sono in tessuto, ma sono a cannelloni, sulla Super.
In pratica, così come sempre accade quando un modello si avvicina al fine vita, i modelli “base” sono i “Distinctive” della serie precedente.
Tutti questi virgolettati, indicano che gli allestimenti civili adesso sono solo due (tralasciando i Business, e le QV/Veloce):

Giulietta e Super

invece dei quattro originari Giulietta, Progression, Distinctive ed Exclusive.
Sono i due allestimenti maggiori che scalano, a parte alcuni accessori, ed appunto, finalmente, lo fanno portando in dote alcune caratteristiche tra cui la selleria; assieme alla regolazione lombare, optional consigliato, il tutto risulta in viaggi decisamente più confortevoli.
È molto migliorato tutto, in termini di comfort.

A denominatore i difetti ci sono ancora tutti, o quasi, ma sono aumentati i pregi a numeratore e quindi le frazioni migliorano in valori assoluti.

Mettiamoci anche la plancia frontale, adesso rivestita in plastica ma non lucida, che dà meno la sensazione di Fiat 600 o di Giulietta anno 1955.
Era vintage, ma era molto plasticosa, adesso è più moderna e meno plasticosa.

Il display tra gli strumenti, al centro del cruscotto è in bianco e nero (evviva) con notifiche rosse (evviva) e non più rosso-nero con notifiche arancioni (buuuu): la visibilità in ogni condizione ringrazia.
E buona parte delle notifiche adesso sono sul display a centro plancia, lo U-Connect da 5″.
Non ne parliamo, ma il giudizio è tendenzialmente positivo.

E cambiano i cerchi di serie, appunto.
Adesso sulla Super ci sono i 17″, e non più i 16″ come sulla vecchia Distinctive.
Il disegno è racchietto, però da dentro non si vede, e non sarà mai tanto racchio quanto alcuni di quelli vecchi, a parte i millerighe che non ci sono più, nemmeno tra gli accessori (che sono cosa diversa dagli optional), e vai capire perché.

Di serie c’è anche il Rosso Alfa, gratis finalmente.
Prima si pagava, come il Bianco Alfa adesso; OK, sono tutti bistrato, come i metallizzati (pigmento + trasparente), però non stiamo parlando di Panda, cazzo.

E poi adesso il TCT si può avere anche sul 1.6 120 JTDm-2.
Ed in fase di lancio lo scontavano.

Insomma, non ci sono tutti tutti i presupposti per dire finalmente, però ci siamo quasi.
E, comunque, ci hanno speso tempo sopra, il che è comunque buono; buono perché non hanno abbandonato il modello e non hanno introdotto solo modifiche estetiche, e buono anche perché pare non ci volesse molto a farne una macchina migliore e riportarla al passo con la concorrenza.
Pare cioè che il progetto fosse valido di suo, ed il tempo non lo ha invecchiato, ma raffinato.
Per chi come me ci ha speso sopra di nuovo è un fatto positivo.

Come va

Dunque riassumiamo cosa cambia tra la vecchia (di serie) e la nuova come Alfa l’ha fatta:

  • cerchi da 17″, con 215/45 R17
  • TCT – trasmissione a doppia frizione
  • silenziosità

Partiamo dai primi.

Ha ragione Massai (che apprezzo molto): il problema dei pollici sulle auto va ben oltre quello che ci assillava a scuola.
Essendo passato da una Giulietta 1.6 JTDm-2 105 CV con cerchi da 16″ a quella oggetto di questa chiacchierata, dalle prime impressioni (circa un mese) parliamo di un’altra auto.
Il comportamento della Giulietta 2016 (il modello ha come denominazione ufficiale Nuova Giulietta, un po’ troppo enfatica) con i cerchi da 17″ cambia molto.
Vorrei quasi dire che è incredibile quanto cambia, con solo 2,5 cm di differenza nel diametro di calettamento, e uno di battistrada in più, da 205 a 215 mm, ma è così.

La vettura è più comunicativa, più precisa, e guadagna uno sterzo meno gommoso (servoassistito elettricamente, al solito) che dà sempre informazioni chiare sulla posizione delle ruote di trazione. Il retrotreno è molto meno scorbutico, a parità di campanatura ed il VDC lavora molto meno o molto meglio.
Non sono in grado di dire con certezza quale delle due (magari entrambe) sia la ragione di questo comportamento, e non sono in grado di dirlo perché ci ho camminato ancora troppo poco e mai in condizioni limite.
Quando avrà sgambato abbastanza da poter usare la parte rossa del contagiri, metterò il DNA in Dynamic; sissignori, finora non ho mai messo in Dynamic ma il tutto dà la sensazione di una macchina molto ben piantata a terra senza bisogno di aiuti.

Quindi l’aver proposto di serie i 17″ non l’ha resa solo più bella, ma dinamicamente migliore.
Il che, per una macchina sulla quale non è possibile modificare le tarature di telaio (il DNA modifica solo i parametri motore e cambio, non tocca gli ammortizzatori), è molto positivo.

Solo che.
Ho la netta sensazione che la macchina consumi sensibilmente di più.
Questo inciso lo faccio qui, che stiamo per passare al punto 2, ovvero al TCT.

Ho imparato a guidare su un’Alfetta 1.8 del 1971 e da allora ho sempre a solo avuto macchine col cambio manuale.
La 156 che abbiamo ancora in casa, è manuale, ed è una vera goduria; la Giulietta che avevamo prima era manuale (per forza, il TCT c’era solo sulla QV e sulla 2.0 JTDm-2 175 CV, no, dico…), e non era male, e certamente meglio che non il manuale delle 2.0, 140/150 e 170/175 CV.
Quindi non ditemi che i manuali sono migliori, che sono più sportivi, che sono più piacevoli, perché sono trent’anni che giro con i manuali.

Cosa c’è che non va nei manuali?
Beh, ad esempio sulle Alfa Transaxle, la pena era la lentezza; cercare di cambiare più velocemente li impuntava quando andava bene; quando andava male erano etti di grattuggiato fresco.
La mia GTV, ad esempio, nella poche gare che ha fatto era molto penalizzata dal cambio, pur avendo un ottimo e costoso livello di preparazione quanto a motore, carburazione e assetto.
Dell’Alfa 90 2.0, a 333.000 km mi lasciarono i duomi anteriori e il cambio. Della 90 6V CEM la croce era il vuoto in basso e il cambio in alto.
Sulle 156 e sulle 147 i manuali erano molto buoni, molto precisi, ma volevano le marce al loro regime di sincronizzazione; se no, non entravano. Avete presente vedersi arrivare una curva davanti e doversi attaccare ai freni per scalare? Ecco.
Tutta questa lentezza significava cambi marcia lenti e quindi motore che calava troppo di giri; siccome il bialbero (ed anche il Busso 2.0) lavorava poco e male in basso, ne risultavano macchine isteriche, giunti dell’albero da cambiare coi tagliandi quando andava bene, e prestazioni mortificate. Oltre a consumi da spavento.

Quello che c’è di buono nei manuali è il pedale della frizione.
In altri termini il poter scegliere quando cambiare.
I vecchi automatici per scalare avevano solo il kick-down; l’assurdo era dunque che volendo scalare per frenare, si doveva buttare giù tutto il pedale; OK, imparare a guidare comporta anche fare cose corrette ma controintuitive, però lì si esagerava davvero.

Quello che c’è di buono negli automatici, sopratutto in quelli che seguono le impostazioni di erogazione come quelli sulle Alfa col DNA, è che sanno quando cambiare in funzione di quelle impostazioni. E quel che c’è di buono nei TCT è che hanno sempre una frizione in tiro (a salire), quindi i cambi marcia possono essere molto veloci; e questi cambi sono veloci, quindi i cambi marcia sono veloci e molto fluidi, oltre che silenziosissimi.

Ne segue che potete usare queste trasmissioni in due modi: a pedale costante attorno al 50/60%, per avere un grande comfort di marcia, oppure a pedale giù per avere le migliori prestazioni possibili dalla vettura. E se dico le migliori è perché voi con la stessa vettura, con un manuale non sapreste fare meglio, cronometro alla mano.

Sulle Giulietta Super, inoltre ci sono i paddle al volante.
Certo, potreste usare la leva del cambio in posizione “manuale”, usandola come joystick tra le posizioni + e –, che sono anche dinamicamente corrette visto che per salire si tira e per scendere si spinge, assecondando la fisica. Ma non staccare le mani dal volante è molto meglio.

Quando capitasse, e capita, che l’automatico non fa quello che volete, anche solo per questioni estetiche (e siamo essere umani, il piacere fa parte di noi), come tirare inutilmente una marcia su un lieve dislivello o scalare troppo tardi, prescindendo dal fatto che potrebbe avere ragione lui, beh, si cambia manualmente.

Però.
E veniamo al terzo punto, la macchina è molto silenziosa.
Per guidare in manuale è persino troppo silenziosa.
E se guidare in manuale un sequenziale richiede un’attenzione cui non siamo abituati, mancando il feedback della posizione della leva del cambio e quello delle vibrazioni del motore trasmesso dalla frizione, affidarsi solo alle orecchie in un ambiente ovattato pieno di attuatori che astraggono la meccanica dalla sua attività, è davvero complicato.
Lasciarsi trasportare dimenticando il cambio e col DNA in Normal è un’esperienza molto appagante, molto rilassante.
Il traffico, fatto di prima-folle, si riduce al cambiare la posizione del joystick da D a N e viceversa; e siccome la macchina ha lo Start&Stop di serie, se si diventa pigri al punto di non voler nemmeno usare il joystick, si lascia tutto com’è e il motore si spegne, riaccendendosi appena si inverte il moto del pedale del freno, verso l’alto.

Per quanti si domandassero come hanno implementato lo Start&Stop su una macchina senza pedale della frizione, ecco, così.
Quando il pedale del freno scende, se ci sono le condizioni, lo S&S si attiva; quando il pedale inverte la corsa e sale (non importa di quanto) il motore viene riacceso.
Questo comportamento che può sembrare strano di primo acchito, serve invece a garantire partenze in salita corrette, senza bisogno di disattivare lo S&S, lasciando fare l’Hill holder, ma dandogli anche il tempo di intervenire.
Quando lo si capisce, è un’ottima cosa, una funzione usabile ricavata in software da un singolo comando.

Insomma, tutto bene?

Fin qui quasi tutto.
Consumi a parte.
Se prima su 30.000 km di osservazione la media di consumo era sui 5,1 l/100 km, qui siamo a 5,6 e non schioda da lì.
Non è poco, anche considerando che la macchina è diesel, e quindi un aggravio del 10% circa non è troppo penalizzante.
Ora, a cosa imputare questa differenza? Alcune idee.

Alcune sono ovvie: intanto è un 120 CV contro 105, ed è un’Euro 6 contro un Euro 5; si sa che ogni cambiamento di direttiva antinquinamento porta con sé o una diminuzione di prestazioni e/o un aumento della potenza per recuperarle. È sempre stato così, sia nel passaggio Euro 2 Euro 3 sulla 156 1.9 JTD (110 -> 115 CV) sia per la 147 (Euro 3 -> Euro 4 e potenza a 120 CV dai 115 originari) con lo stesso motore. Quindi in parte sarà quello.
Poi si passa da 16″ 205/50 R 16 ai 17″ 215/45 R17 e qui il confronto è esatto perché gli ultimi 10.000 km con la Giulietta 105 sono stati fatti con i Pneumatici Bridgestone Turanza T001 205/55 R 16 91 V che adesso equipaggiano (dimensioni a parte) di serie le Nuove. Anche qui una nota sul rumore: il rotolamento del 17″ è l’unico rumore che si sente davvero in abitacolo; la presenza motore è quasi nulla. Massai sostiene che i 17″ dovrebbero essere quelli con una minore resistenza al rotolamento tra 16, 17 e 18″, confronto fatto proprio su una Giulietta 1.6 105, nel video che trovate in questa pagina. Dobbiamo credergli, e quindi diciamo che qui dovremmo aver guadagnato (oltre al comportamento migliorato) qualche decimale.
A questo punto dobbiamo dedurre che il maggior consumo derivi molto dal TCT, che era stato imputato della stessa responsabilità nel confronto tra Giulietta 2.0:

D’altronde se qualcuno non spinge 10 kg a botta sulla frizione, qualcuno deve pur farlo, e lo fa il motore; magari col TCT e il sequenziale giochi, attriti e resistenze non saranno gli stessi del manuale a sei marce, ma siamo lì. E quindi un consumo maggiore ci sta.

E infine mettiamoci anche gli attriti, che su un motore nuovo non sono trascurabili; la Giulietta precedente si è sciolta davvero attorno ai 50.000 km, ed ha cominciato a fare medie autostradali da urlo, col cruise piantato a 130 km/h, Roma – Milano A/R con medie di 4,7/4,8 l/100 km. Vedremo.

Detailing

Essendo rossa, essendo pastello, essendo nuova, siamo nelle condizioni ideali per un lavoro di detailing.
Come detto allora4 in occasione di quello sulla 156

va premesso che dire detailing, parlando della cura delle autovetture significa dire una cosa precisa; non è una lucidatura, non è una ceratura. È tanto vero, che con il diffondersi di questa pratica anche in Europa (e una volta tanto non sono convinto che l’Italia stia dietro nessuno in questo, almeno per capacità) sono sempre di più le macchine appena uscite dal concessionario che lo affrontano; in alcuni casi gli stessi concessionari propongono il trattamento tra gli optional, e quindi prima che la macchina venga consegnata al cliente.
Il motivo è semplice; anche le verniciature industriali in casamadre possono avere dei difetti, e comunque le verniciature d’origine non hanno nessun trattamento successivo che non sia una grossolana ceratura e spesso una ancora più grossolana e frettolosa deceratura fatte, se va bene, solo con agenti chimici.

Qui non solo non è stato proposto dal concessionario, ma è stato anche utile per correggere un difetto sul cofano anteriore, dovuto probabilmente ad un maldestro tentativo di rimediare a un problema di fabbrica:

Giulietta@Amato02

La macchina è stata affidata come al solito a Simone AMATO Servizi di Detailing Professionale.

* * *

  1. eDue – Alfa Romeo Giulietta – Alfa Romiao
  2. eDue – Senza offesa per i designer di Togliattigrad
  3. eDue – Brianzolische Motoren Werke
  4. eDue – Detailing su Alfa Romeo 156 SportWagon
  5. I segreti delle gomme: quanti pollici ci vogliono? – Quattroruote TV
  6. Alfa Romeo Giulietta TCT – Quattroruote TV
  7. Servizi di Detailing Professionale – AmatoDetailing.it

The Top Ten Classic Six-Cylinders Ever – Petrolicious

v6_Busso_32_GTA

And finally, #1… the Alfa Romeo Busso V6–
There are engines that were produced for longer or in greater numbers or with better performance. But the Busso (named for designer Mr. Giuseppe Busso) V6, which began development in the early 1970s and has been built in a variety of displacements (we prefer the 2.5L), is simply the most glorious sounding six cylinder ever. You should be so lucky as to drive a car equipped with a Busso V6 just so you can listen to the song when you downshift. It is symphonious and really don’t we all just want a car to sing?

Io ho avuto la versione più sfigata del V6 Busso, la 2.0 CEM, su una Alfa 90 omonima.
Ed ho capito perché alcuno lo chiamano “il violino di Arese”.
Era la cosa più sexy cui potessi pensare, nonostante età ed ormoni.

* * *

  1. The Top Ten Classic Six-Cylinders Ever – Petrolicious
  2. Immagine da https://forums.finalgear.com/attachments/post-your-car/my-2003-alfa-romeo-147-gta/12699d1395716836-1957663_647396198672732_1739345864_o.jpg

All’amica direzione ritrovata

All'amica direzione ritrovata
Marchionne ha dichiarato:

Stiamo tornando a rifarci le ossa su qualcosa che era il nostro mestiere fino a poco tempo fa, poi abbiamo perso un po’ il barlume della direzione.

Siamo ritornati a fare quello che facciamo bene: queste auto rappresentano il massimo della tecnologia italiana. Dal punto di vista tecnico sono dei gioielli. È la prima volta nei dodici anni che sono in Fiat che posso dire che questa macchina non ha niente da rimpiangere rispetto alle concorrenti tedesche1

Vorrei fargli rileggere

C’è ancora gente che sogna un’Alfa che non può più esistere2

Invece quell’Alfa lì, quella che sognavamo noi gente, sta salvando le chiappe a tutti.

* * *

  1. Alfa Romeo Giulia – La Berlina Del Biscione In Visita Da Mattarella E Renzi – Eventi – Quattroruote.it
  2. Marchionne – “PER L’ALFA ABBIAMO GIÀ SPESO FIN TROPPO” – Industria – Quattroruote.it

Altro che Jobs e Woz

Garage?

Corcazzomer Care

Premessa

Lo scorso 2 marzo l’Alfa Romeo, anzi la FCA, ha presentato la Nuova Giulietta in molti posti contemporaneamente in tutta Europa e ne ha fatto una diretta web.

Questi eventi, cui mi pregio di essere stato spesso invitato, sono tutti uguali: sono posti in cui si usano argomenti e retoriche tipici dei corsi per venditori, il tutto immerso in musica di merda a volume altissimo e condito da luci strobo.
a volte, tanto per buttare un altro po’ di soldi, ci sono cantanti famosi di cui tutti ignorano l’identità, e giocolieri.

Poi il 3 marzo si è aperto il Salone di Ginevra, e sono state (ri)presentate Giulietta e MiTo, oltre alle Giulia in versione guardabile (piuttosto bella, quest’ultima, tolti push-up e spacchi della Quadrifoglio).

Bene lo stesso giorno sul sito Alfa Romeo, compare la Nuova Giulietta
Schermata 2016-03-08 alle 11.41.28

Cliccando su Esplora

Schermata 2016-03-08 alle 11.41.37

si va qui

Schermata 2016-03-08 alle 11.42.49

in cui c’è questo

Schermata 2016-03-08 alle 11.42.20

Se non vi fosse chiaro, accade che sul sito di Alfa Romeo, compare la Nuova Giulietta, e volendo saperne di più si viene portati su una pagina a essa dedicata, nella quale c’è la promozione riservata alla Nuova Giulietta 1.6 120 CV TCT, nei soli allestimenti Giulietta e Super.

In quella pagina è possibile prenotare un Test Drive; giudicate voi:

Schermata 2016-03-08 alle 11.44.25

A voi non sembra che il sito vi offra un Test Drive per la GIULIETTA 1.6 120 CV Tua a 185 € al mese con cambio automatico TCT incluso nel prezzo?

Bene, prenoto il Test Drive e mi arriva un’e-Mail di conferma in cui mi si ringrazia per aver scelto Alfa Mito e che sarò contattato al più presto.

In effetti mercoledì scorso alle 18:21 mi arriva una telefonata da Milano, durante la quale un signore mi comunica che:

  1. Grazie per aver contattato Alfa Romeo
  2. Lei è il signor eDue? Bene, signor eDue la chiamo per la sua richiesta di Test Drive
  3. (faccio presente che nella ricevuta avuta per e-Mail era scritto MiTo) Mi comunica che non c’è problema, e che il Test Drive sarà certamente per Giulietta
  4. (faccio presente che sono un possessore di Giulietta, mi interessa provare la 1.6 120 CV TCT) mi consiglia di andare non il successivo fine settimana, ma durante la settimana, perché in questo modo avrò il personale a mia disposizione e tutto il tempo che voglio per fare il Test Drive
  5. quando arriva in Viale Manzoni 67, dica che è il Signor eDue e troverà un addetto ad aspettarla (ringrazio per il consiglio di dire chi sono, visto che ho prenotato, non ci avrei mai pensato)

Potrei omettere un fatto: giovedì alle 17:00 dallo stesso numero ricevo una telefonata di una signorina che vorrebbe ricominciare tutto da capo, e che resta molto sorpresa del fatto che io abbia già concordato tutto il giorno prima con un suo collega.

Viale Manzoni 67

Stamattina prendo un permesso in ufficio, per andare all’appuntamento.
L’idea è quella di provare la Giulietta, chiarirmi un paio di punti relativi all’offerta Liberamente Alfa di FCABank (ex Sava, tanto per capirsi) ed eventualmente aderire.
Se non fosse chiaro, stamattina ho preso un permesso in ufficio per andare a dare dei soldi a FCA, OK?!

Però io che conosco FCA, avevo premesso a casa che stamattina, no niente.

Vado, entro da Via di Porta Maggiore 12, dove comunico sia l’appuntamento per il Test Drive, sia l’intenzione di far valutare la vettura, che quindi deve entrare con me.

Parcheggio e dall’interno vado nel salone principale della concessionaria, quello che sta appunto all’angolo tra Viale Manzoni e Via di Porta Maggiore, passando per la sala Usato, la sala Consegne e lo spazio Jeep. Il salone, venendo dalle tre sale di cui sopra ha lo spazio Alfa Romeo a destra, Lancia a seguire ad angolo e Fiat a sinistra con Abarth in fondo e un desk al centro.
La situazione è questa: lo spazio Alfa Romeo è completamente vuoto, non c’è traccia di nessun addetto alle vendite né di clienti; sono esposte un paio di Giulietta Sprint (non più in produzione) una Giulietta Quadrifoglio Verde (non più in produzione), ed un paio di MiTo (non più in produzione); fronte strada una Giulietta Exclusive (non più in produzione). Vicino allo Spazio Jeep una 4C Spider, in ombra.

Attendo al desk ingannando l’attesa guardando il salone di auto d’epoca fino a che, due/tre minuti dopo, una signorinella mi si avvicina incuriosita (chissà da quanto tempo non vedeva un avventore) e mi chiede quale sia il motivo della mia visita.

Giovan(il)e come sono, ricordo e tengo fede alle raccomandazioni avute telefonicamente e prontamente mi identifico; il mio nome non dice nulla alla signorinella.
Sono qui per il Test Drive.
Ah, e quale macchina vuole provare?
Eh, quella che ho prenotato.

Aspetti, le spiego

Noi abbiamo già fatto presente la cosa a Torino: a noi le prenotazioni non arrivano.
Però, se lei mi dice che macchina vuole provare non c’è problema.
Vorrei provare una Alfa Romeo Nuova Giulietta 1.6 JTDm-2 120 CV con trasmissione TCT in allestimento Super.
No, guardi, le spiego.
Noi non abbiamo quella macchina, abbiamo solo un Giulietta 1.4 turbo GPL.
Modello vecchio, vero?
Aspetti le spiego.
Non solo non abbiamo la millesei, ma non ce l’avremo mai, perché possiamo avere una sola macchina per ogni marca in Test Drive, e ce la mandano da Torino in base agli ordini dei venditori.

Aspetti, le spiego

Non alla signorinella, che sembrava anche un po’ imbarazzata, ci mancherebbe.
Lo spiego a Torino.

Torino, io che conosco FCA, avevo premesso a casa che stamattina, sarei andato a perdere tempo a Viale Manzoni 67.
Io che vi conosco avevo specificato bene al pupazzetto milanese che volevo provare quella macchina e non una simile, e lui mi ha detto che non c’era problema; forse lui lo sa che un problema c’è o forse no, ma la consegna è simpatia, efficienza; non può dire a un cliente vada pure tranquillo, tanto a non non cene frega un cazzo, poi non le dico ai colleghi romani.

Torino, io stamattina sono entrato in un Motor Village, dove tutto si è fermato a molti anni fa; anni in cui la FIAT aveva una quota di maggioranza assoluta nelle vendite, anni in cui tutti gli altri costruttori si spartivano le briciole. Anni in cui non solo non c’era Internet, per vostra fortuna, visto che non avete ancora capito cosa farvene (ed al momento la usate per farvi del male).
Voi siete ancora rimasti ai tempi in cui vendevate la 127 rustica al burino paonazzo, ai tempi in cui azzeccavate una macchina e tiravate avanti vent’anni solo con gli adesivi e qualche cornicetta cromata.
Anni in cui usciva la 124 ma in un angolo ancora c’era una 1100, hai visto mai qualche pensionato la volesse.

Torino, voi vorreste posizionare Alfa Romeo tra i brand premium, ma se uno viene al Motor Village e lasciamo perdere l’appuntamento – che tanto – trova un salone vuoto dove non ci sono venditori e lasciate il cliente girare da solo in mezzo a modelli vecchi; e brand premium significa che il cliente tipo ha lo smartphone e potrebbe aver saputo della Nuova Giulietta nello “spettacolare reveal in simultanea europea”1.

Torino voi vorreste vedere la Giulia in questi Motor Village dove il sentimento principale è l’abbandono e quello dei pochi autoctoni la costernazione?
Ma dove cazzo andate?
Chi viene lì dentro a mettervi in mano un assegno da 40.000,00 € seduto sul pouf di Ikea e circondato da foto della Brera?

E pure fosse, a chi lo dà l’assegno?

Torino, siccome oggi proprio volevo darvi dei soldi, ho comprato dei tappeti per la mia Giulietta, per sostituire quelli che mi avete cortesemente regalato alla consegna.
Sono uno sciupamacchine, dal 2011 li ho già fatti fuori.
Vado ai ricambi, all’interno del locale officina, ma i ricambi non ci sono più.
C’è un cartello su cui qualcuno ha vergato a pennarellone “Maurizio frocione”.
Vado in officina e chiedo: dove sono i ricambi? Salone usato, la porta grigia di fianco al bancomat.
Arrivo e chiedo dei tappeti per la Giulietta. Li vanno a prendere, nella vecchia sede; tornano dopo un po’.
Stampano 5 fogli A4 e mi dicono di andare a pagare per poi tornare lì a prendere i tappeti.
Chiedo: in quale cassa?
Riposta: quella dell’officina, in accettazione, uscendo a sinistra.
Arrivo fino alla cassa dell’accettazione e c’è scritto chiuso, rivolgersi alla cassa centrale, che è esattamente dall’altra parte dello stabilimento.
Alla cassa centrale, Torino, non c’è nessuno.
A fianco ci sono due che chiacchierano rumorosamente, da un lato, e cinque che chiacchierano rumorosamente mentre spostano incartamenti e pratiche (e cartelle sospese, roba che non vedevo da anni io, che lavoro nello Stato), dall’altro; mentre in fondo ci sono due incravattatissimi che bisbigliano con aria preoccupata.
Aspetto.
Dopo tre minuti, chiedo ai due che intanto avevano proseguito da par loro, se in cassa primo o poi fosse prevista l’apparizione di qualcuno; uno dei due dice che va a chiedere. Torna e dice che la collega è in firma e arriverà.
Fantozzi; hai presente? Uffici grigi, stigliatura ed arredamento anni ’80 (sono trent’anni fa, eh?!), penombra.
Dopo un po arriva la collega, che chiede ad uno in tuta dietro di me, dietro, ovvero arrivato dopo, di passare da dietro che gli lavora tutto il faldone che ha in mano.
Devo aver fatto una faccia tanto acida, che poi si rivolge a me dicendo che mentre lui fa il giro io dicessi pure.
Io avrei questi 5 fogli A4 e vorrei pagare.
Mi chiede come e dico bancomat.
Segue: inserimento del bancomat, calcolo dell’importo finale (comprensivo di IVA) su calcolatrice da tavolo Olivetti Logos 364 nastromunita; il calcolo ripetuto due volte e controllato sul nastro.
Poi mi viene chiesto cartaobancomat e poi detto aggià bancomat.
Poi si attende un tempo lunghissimo che la scritta connessione, primo tentativo, lasci il posto a digitare PIN. Tipo prima connessione del giorno.
poi si batte lo scontrino su un registratore di cassa, che si spilla su uno degli A4, intanto esce la prima copia della ricevuta del bancomat, che piegato longitudinalmente per vincere la curvature imposta dal rotolo viene dotato di un fermaglio gigante Leone Dellera n.6, casomai ne avessero degli altri, oggi.
Poi la seconda copia viene spillata sotto lo scontrino, sullo stesso A4.
Poi tutte e cinque le copie vengono timbrate con un bel timbro datario + testo alto circa venticinque centimetri e sul timbro viene posta una sigla.
E infine su tre di queste viene riportato a penna l’importo finale comprensivo di IVA.
Mi vengono restituite nell’ordine, la carta bancomat, e tre copie formato A3 delle cinque originali.
Saluto il Ragionier Filini di fianco alla cassa centrale e riparto per i ricambi dove attendo di nuovo in una fila in cui riconosco alcuni incontrati vagare nello stabilimento, finché finalmente vengono controllate tutte le copie e trattenute in numero di due.
La terza mi viene consegnata (quella con lo scontrino e la ricevuta del bancomat spillati) assieme ai miei tappetini.

Io me lo immagino uno che viene qui all’INPS, che dopo aver visitato il concessionario storico con le auto fuori produzione, decide tutto da solo di comprare una 4C Spider, e viene qui in cassa centrale dove deve attendere la fine della proiezione della replica de La corazzata Kotiomkin e il rompete le righe del personale addetto, prima che qualcuno lo degni di attenzione.
Io me lo immagino quanto l’experience da brand premium conti nel raccomandare il tutto ad altri.
Io mi immagino il cinegiornale Lvce che racconta le gesta dell’avventore che superate mille e mille peripezie, vinta la solitudine, patita lunga l’attesa di qualcuno con cui conversare, guadagna l’uscita salutando commosso con il suo nuovo automobile.

E volete sapere una cosa, Torino?
Mi ero già immaginato quasi tutto ieri. Perché avevo già vissuto quasi tutto lì dentro altre volte compresa l’ultima in cui venni per aderire all’offerta fantastica che scadeva il 7 gennaio, dedicata alle stesse macchine che ancora oggi riempivano il salone e che evidentemente non è andata come da aspettative, ma con una differenza.

Allora un venditore c’era e mi ha proposto una quotazione talmente bassa da meravigliarsi anche lui.
Poi nascose il foglio sotto altri, quando gli chiesi conto del perché; però mi aumentò lo sconto di 300 euro dicendo che non poteva fare di più.

Io lo so perché torno lì, perché mi ricordo di quando ci venivo con papà2; perché lì dentro non è cambiato niente.

* * *

Dedicato agli Skunk Workers del modenese3.

Roma, interno giorno un anno dopo

Qualcuno mi chiede: ma perché non lo dici alla Fiat invece di scriverlo qui?

Per quanto mi riguarda è stata la prima cosa che ho fatto.
Un anno fa, appunto.

Ho anche segnalato che la macchina poi l’ho presa al Motor Village di Magliana, ovvero presso lo stesso MV, ma in diversa sede, il che avrebbe dovuto far riflettere ancora di più.
Quello che ho ottenuto, a parte ovviamente nessuna risposta da FCA, è che il venditore con il quale ho concordato e contrattualizato l’acquisto, è stato trasferito a Manzoni e passato a Jeep.
Non dico che sia colpa o merito mio, ma vabbeh… segnalo solo che siccome avrei dovuto comunque ritirarla a Manzoni, ho scoperto che la macchina è stata immatricolata il 29 aprile (ordine del 16 marzo 2016) ma il 10 maggio ancora non mi chiamavano per saldarla e ritirarla.
Sono andato di persona il 10 pomeriggio e con una serie di affermazioni convincenti (diciamo) ho ottenuto che l’11 mattina mi fosse consegnata.
Motivo dell’attesa inutile? Nessuno sapeva.

Sono tornato due settimane fa (maggio 2017) a Manzoni, che a differenza di Magliana mi è molto più vicino, solo per quello, palesando l’intenzione di comprare una seconda Giulietta (prego notare: volevo prendere un’altra macchina, non sostituire nulla), e ne sono uscito con la fotocopia storta di un preventivo anonimo per una vettura in pronta consegna che, ça va sans dire, non rifletteva manco un po’ le mie intenzioni di acquisto.
Con uno sconto risibile.
Infatti non l’ho comprata.

Nessuno che abbia fatto 2+2 e proposto una Giulia, per esempio; che ne so, un ragionamento da batterio (mica da Nobel per l’economia) tipo: questo ha già preso una Giulietta da 29.600,00 euro lo scorso anno, adesso ne vuole prendere un’altra, magari gli propongo una Giulia per 4.000,00 in più.
Macché!

E parlo di MotorVillage, non di Pizza&Fichi, dovrebbero essere i fiori all’occhiello di FCA.

D’altro canto, per correttezza, come ho scritto in occasione della prova della Giulia4 (che a Roma non solo non mi hanno mai proposto, ma nemmeno consentito) al MV di Arese mi hanno dato le chiavi di una Super e mi hanno detto “ci si vede dopo, la aspettiamo per pranzo all’Alfa Romeo Cafè, naturalmente ospite nostro”.

Alla fine proprio grazie a questo trattamento, NON ho preso la seconda Giulietta, ed aspetterò che la 156 dica basta per andare a prendere una Giulia ad Arese.
Ci capito qualche volta l’anno, ma anche non ne avessi motivo in futuro, tornerei fin lì, pur di sentirmi trattato come un cliente e non come un rompicoglioni. A parte il fatto che per me Arese è sempre e comunque un posto speciale, e che è un piacere andarci.

Io non pretendo di avere ragione, ma siccome i soldi sono i miei, e non li rubo e non li stampo in proprio, pretendo almeno che chi li dovesse prendere non voglia pure che lo supplichi per prenderli.
Ma forse sono strano io.

* * *

  1. Per la Nuova Giulietta uno spettacolare reveal in simultanea europea – Comunicati Stampa – Fiat Chrysler Automobiles EMEA Press
  2. eDue – Figli Detroit
  3. Infatti: Povera Alfa Romeo se chi è in prima linea la maltratta così | Il blog
  4. eDue – Prova Alfa Romeo Giulia 2.2 TD 150 CV Super @ Arese – eDue

Domo arigato (mezzo salvato)

Alle andature autostradali il consumo ovviamente sale e, complice un po’ di ritardo che mi fa alzare il ritmo, esco dalla strada a pedaggio con un valore medio di 6 l/100 km.

Lo scorso fine settimana ho fatto Roma – Milano – Milano – Roma con la Giulietta 1.6 JTDm-2 (stessi 105 CV), in due con bagaglio, ed in 1204 km ho fatto 4,8 l/&100 km con il cruise control piazzato (da GPS) a 130 km/h.

E pensare che per il dopo Giulietta (stufo degli interni AutoVAZ) avevo seriamente pensato alla Mazda 3 2.2 D Skyactive.
Domo arigato…

Da Mazda2 – Una Settimana Con La 1.5 Skyactiv-D [Day 3] – Quattroruote

L’Alfa Penelope si farà

Tempi più lunghi per il rilancio dell’Alfa Romeo. È quanto emerge dalle slides di aggiornamento del Business Plan al 2018, appena pubblicate dal Gruppo FCA. In particolare, restano gli otto modelli previsti dal Piano 2014, ma sei di questi slittano all’intervallo 2017-2020. In pratica viene confermato per quest’anno il solo lancio della Giulia, seguito all’inizio del 2017 dalla Suv di taglia media (progetto 949). Nella conference call, il ceo group di FCA, Sergio Marchionne, ha poi risposto in maniera lapidaria alla domanda di un’analista che chiedeva indicazioni sul momento in cui la partirà la produzione della Giulia: “Q1”, ha detto Marchionne, cioè “primo trimestre” del 2016.

Giorni fa scherzavo (o forse era sarcasmo) dicendo che se aspettano ancora un po’ invece della Giulia presenteranno direttamente l’Alfetta.
A quanto pare si profila all’orizzonte l’undicesimo piano industriale per l’Alfa Romeo, che per i prossimi tre anni farà Giulietta e MiTo, continuerà a girare attorno allo scarico, ma terranno il tappo abbastanza basso per non mandarla in fogna.
Poi, dopo, farà ottocentomila macchine l’anno, e sedici modelli; dopo, però.

Adesso volendo scherzare altro che Alfetta, pensano già alla 75 Indy.
Non so se davvero il mondo intiero sia in orgasmo in attesa della Giulia, nel 2017, sinceramente comincio a dubitarne.

Da Gruppo Fca – Tempi più lunghi per il rilancio dell’Alfa – Quattroruote

Senza offesa per i designer di Togliattigrad

cq5dam.web.1280.1280

Gli interni aggiornati e l’automatico sul diesel 1.6. Non sono disponibili immagini dell’abitacolo ma dalle precedenti foto spia sappiamo che anche per la plancia è previsto un aggiornamento delle finiture e di alcuni elementi vista la copertura totale presente sui muletti. Anche in questo caso l’ispirazione dovrebbe venire dalla sorella maggiore Giulia ma non sarà possibile ridisegnare la struttura principale vista la vita commerciale residua del modello. Un cenno infine alla meccanica: secondo le informazioni in nostro possesso la novità più importante sarà relativa all’abbinamento tra il cambio doppia frizione TCT e il diesel 1.6 JTdm-2 120 CV.

Benvenuto al TCT sul millessei; solo che, avendola, ripeto che se non ridisegnano i pannelli porta presi pari pari dalla Lada Niva, e mettono qualunque cosa al loro posto se la possono tranquillamente stoppare.
Anche perché non è certo la 75, cui si perdonava tutto, una volta girata la chiave.

Qui il confronto è impietoso perfino con la nuova Tipo.

Da Alfa Romeo Giulietta – Al Via I Test Invernali Per Il Restyling – Quattroruote da cui è tratta anche l’immagine.

* * *

  1. eDue – Alfa Romeo Giulietta – Alfa Romiao
  2. eDue – Guardo lei, pensando all’altra
  3. eDue – Brianzolische Motoren Werke

Giulietta, esaurimento (scorte)

Schermata 2015-12-28 alle 14.07.22

Per motivi che non sto qui ad elencare mi sono accorto che intorno al 20 dicembre il configuratore dell’Alfa Romeo Giulietta vedeva fortemente ridotto il suo scopo, visto che in base ad alcune scelte fatte a monte (come il motore) di fatto obbligava accessori ed allestimenti.

Bene, anche sul configuratore di Quattroruote, si ritrovano gli stessi limiti.
Anzi, lì ci sono ancora alcune versioni (come la 2.0 JTDm-2 175 CV TCT) che in quello Alfa non ci sono più; ma, almeno QR spiega il perché: perché sono solo quelle già prodotte e disponibili in rete. Esaurimento scorte.

Quando hanno annunciato la Giulia a Detroit, a parte cosce tornite, sise ben levigate opportunamente sostenute contro la forza di gravità e uno che presentava il tutto come fosse un wrestler in un video di Chuck & Nora, l’unica indicazione chiara fu “Giulia 2017”.
Duemiladiciassette.

Intanto molti siti (tra cui QR stesso) parlavano di MiTo e Giulietta Restyling, ovvero la solita zuppa riscaldata con un frontale ibrido tra Giulia ed i due modelli e, sopratutto, con il nuovo logo.
Ne parlavano come cosa certa in primavera.
Forse sarà la stagione corrente, che tutto ricorda tranne un inverno, o forse l’ennesimo ripensamento in Alfa che sarebbe l’undicesimo in cinque anni (è record? altro che Nürburgring), ma alla fine, oggi, Alfa Romeo vende due modelli vecchi (e uno è vecchissimo) che non si possono configurare se non per il colore.

Forse è il classico trucco del pugile che finge di essere finito per poi sorprendere l’avversario con un guizzo, ma al momento ricorda solo la nota barzelletta di Gigi Proietti sul Castagna:

Alla terza ripresa l’ho fatto caca’ sotto: se pensava ch’ero morto.