Il discorso di Joan Baez alla Rock & Roll Hall of Fame

So che sto parlando a molti giovani che, senza questo ingresso nella Rock & Roll Hall of Fame, non avrebbero idea di chi sono. Mia nipote non ne aveva idea fino a quando non l’ho portata nel backstage a un concerto di Taylor Swift, dove si è fatta un selfie, ha avuto un autografo, una maglietta e trovato un rinnovato rispetto per sua nonna.

Da Il discorso di Joan Baez alla Rock & Roll Hall of Fame – Il Post.

* * *

Immagine da trib.com

…My Ass (Part Two)

In an effort to repair its relationship with professional users, Apple took the unprecedented step of inviting a handful of prominent journalists for an on-the-record talk. In it, the company acknowledged design errors with the Mac Pro, promised a redesigned Mac Pro and accompanying pro display, and said it was trying to communicate better with pro users.

Non ho capito se Maca1 del titolo dell’articolo di TidBITS sia un calembour o crassa ignoranza, ma comunque il punto è il seguente: Schiller disse, presentando il Mac Pro che non solo Apple era capace di innovare (“Unable to innovate my ass”), ma era anche capace di stupire.

La realtà, come avevo preconizzato (eh, roba forte…) è che Apple puntava a stupire ma non innovava più da anni2.
Schiller ha detto che la forma del Pro è stata un limite al suo sviluppo, e qui un bel graziearcazzo ci sta tutto.

Non solo ha ammesso di aver detto cazzate, non solo ha confermato che l’utenza pro per quanto ridotta a percentuali omeopatiche porta soldi, ma ha anche implicitamente detto che il Post PC, ovvero iPad, non è post un cazzo, ma al massimo un PC companion.

Il perché è evidente a tutti eccetto che alle truppe magliettate californiane: perché sull’iPad non si programma, ovvero non si creano applicazioni da usare sugli iPad, sugli iPhone e sui Mac stessi. E poi su tante altre cose.
Qualcuno avrà forse detto che gli iMac stanno lì per quello, ma sbaglia.
Sbaglia perché in un ambito produttivo, avere una macchina che se si rompe un pezzetto si ferma tutto non è accettabile.
E sbaglia perché ormai nessuno è disposto a spendere 4000 USD per 256 GB di SDD, per quanto bello sia l’oggetto che lo contiene.
E sbaglia perché nessuno vuole mettersi sulla scrivania un monitor da 2000 USD fatto di plasticaccia che scricchiola quando digiti, fosse pure 5K, accanto ad un oggetto di design.
E sbaglia perché il Pro attualmente monta Thunderbolt 2 che non lo pilota.
E sbaglia a pensare che un’utenza pro non voglia aggiornare una macchina per tenersi al passo col mondo che intanto gira.

Insomma Apple ha ammesso che ha fatto cazzate negli ultimi 4 anni, ed ha detto che il prossimo anno si ravvederà.

Segnalo che alla press call in argomento non c’era né Ive, né alcun altro del design, il che forse non significa nulla o forse sì.

Alla fine, comunque “In an unprecedented move” Apple ha chiamato la stampa per parlare di nulla.
Il che non solo mi pare precedented eccome, ma mostra che in realtà è in affanno.

Lo dico da anni, lo dicono in molti da anni.
Adesso non solo lo pensiamo, lo sappiamo.

* * *

  1. Maca Culpa: Apple Admits Mac Pro Missteps and Promises More Transparency – TidBITS
  2. eDue – Sublimare
  3. eDue – iNfatti

Un TEDx che sa di pensiero unico

Avevo deciso di non presentare il TEDx Roma. Nel dirlo al responsabile della comunicazione – che due anni fa ebbe l’idea di coinvolgermi nell’edizione 2016 e che ringrazio per la stima dimostrata nei miei confronti – gli ho chiesto, per correttezza, di lasciare che fossi io, il giorno dopo, a comunicarlo ad Emilia Garito. Se non fosse che dopo qualche ora mi arriva una mail da parte della curatrice del TEDx Roma (che ancora non aveva parlato con il suo responsabile) nella quale mi si dice, sostanzialmente, che visto che non la penso come lei non posso presentare il TEDx. Arrivederci e grazie. Amici come prima.

Da Perché non presenterò #TEDxRoma 2017: un TEDx che sa di pensiero unico | Tech Economy.

Constant Negativity

Apparently, the negative response to the MacBook Pro with Touch Bar, which many complained was not oriented towards pro users, was a major factor. Apple saw a surge of orders for older MacBook Pros instead of the new model, and that, combined with the reaction to the LG 5K display and the “constant negativity” from professional users, led Apple to “double down on professional users.”

Maddai…

Da ‘Constant Negativity’ From Pro Users Led Apple to Develop Modular Mac Pro, Which May Not Ship Until 2019 – Mac Rumors.

WWTT

Le costanti modifiche nelle tecnologie TomTom e Appie non ci consentono di offrire aggiornamenti infiniti per questa app. Per questo motivo, 1’app non verrà più supportata a partire da settembre. Ulteriori informazioni verranno fornite con il successivo aggiornamento.

Col prossimo aggiornamento vi spiegheremo che passiamo anche noi al sistema ad abbonamento, e visto che finora TomTom Go non se l’è cacato nessuno, ritiriamo questa.
Anzi, non proprio ritiriamo, diciamo che non funzionerà con le nuove versioni di iOS.
Sì, quello che verrà annunciato a giugno alla WWDC ed uscirà… a settembre?

Parco di commenti

Si stanno già litigando le chiacchiere su iPhone 8 che sarà il telefono del decennale.

Però la notizia per cui Apple avrebbe deciso di non chiamare la nuova sede Campus 2 o Spaceship, o cerchio, Odigiotto, Stevelandia è passata tutto sommato sotto traccia.
Strano, no?

E poi perché Parc?
Beh, un’idea m’è venuta ripensando alla biografia di Jobs, in particolare alla parte relativa alla scoperta dell’usabilità da parte del nostro.
Gli agiografi riportano che la folgorazione avvenne quando vide l’Alto.
Non così in alto, l’Alto proprio, ovvero un prototipo di computer dotato di interfaccia grafica e del mouse per utilizzarla nel centro di ricerca della Xerox di Palo Alto.

Dicunt, tradunt, rerum malorum scriptores narrant, che il Mac nacque lì, quel giorno al PARC – Palo Alto Research Center, appunto.
Ecco, la nuova sede di Apple si chiamerà Parc.

Ho bevuto l’acqua di Flint

Di Francesco COSTA

Cinquant’anni fa la città di Flint, in Michigan, era descritta come un modello di prosperità e sviluppo: la città del sogno americano. Oggi Flint è considerata l’esempio di come quel sogno può diventare un incubo: dagli anni Novanta è una delle città più povere e pericolose d’America, e dal 2014 per quasi due anni dai suoi rubinetti è uscita acqua gravemente contaminata, che ha avvelenato la popolazione. La storia di un disastro che ha cause molto diverse – dalla deindustrializzazione al razzismo – e che permette di capire un pezzo importante degli attuali problemi di molte zone degli Stati Uniti d’America.

P.S.: Non ho idea di come si possa fare altrimenti l’embed di questo Podcast, se lo sapete commentate. Grazie.