Solo palle (di vetro)

Ragazzi, che vittoria schaicciante…

Abbiamo vinto le elezioni senza un programma!

Blocco del traffico

Il Blocco del traffico, si fa quando il livello di inquinamento raggiunge livelli pericolosi (in quelli intollerabili viviamo normalmente) per le casse dei comuni.
In quelle occasioni, possono circolare solo i mezzi meno inquinanti e coloro che ne hanno bisogno.

Oggi intorno alla stazione Termini era tutto bloccato, traffico pazzesco.

Perché c’era un raduno di Ferrari d’ogni epoca e di Harley Davidson da tipico suono di scureggia nel bidet pieno, d’ogni epoca.

E c’erano tre carabinieri, di cui uno si esibiva in abili manate sulle macchine (non Ferrari) nel gestire il traffico pazzesco dovuto a un centinaio di persone che hanno bloccato Roma (evidentemente provvisti delle relative autorizzazioni).

Ho pensato a Veltroni, all’ambiente, a Roma.

Ho pensato a Veltroni, perché di meglio non c’è e non ho inteso con questo fare un complimento a nessuno.

Ho pensato all’ambiente, perché per far divertire i Ferraristi che partono rigorosamente sgommando con motori plurifrazionati dal 3.2 in su inquinano davvero poco e rispettano tutti i dettami del codice della strada controllati dai carabinieri, ed ho pensato agli Harleysti, che hanno già la loro punizione sotto il culo.
Ed ho pensato che tutti costoro fossero convenuti a Roma per necessità, e che l’inquinamento che causavano fosse sacrosanto.

E non penso all’inquinamento di UN 3.2 8 cilindri boxer di venticinque anni fa spremuto da semaforo a semaforo per la necessità di soddisfare ego infantili, penso a tutti quelli che come il sottoscritto erano FERMI al centro di Roma col motore in moto tutto intorno. E non lo potevano spegnere per evitare la manata tattica del carabiniere efficiente.

Ed ho pensato a Roma, che oltre ad essere stravolta da mille operette inutili, dalla monnezza che abbonda ovunque e dalle transenne che ne limitano la fruibilità generale per pochi interessi particolari, è tutta grigia di inquinamento e peggiora ogni minuto.

E le mancavano i rampanti di Burago…

Discovering Channels

Mi dicono che sulla televisione pubblica, ovvero quella che pago anch’io perché avendo un PC ho uno strumento potenzialmente atto alla ricezione di programmi radiotelevisivi, sia passato un programma in cui c’è gente mezza nuda che bestemmia litigando, ferendosi con rocce e rubandosi il mangiare a vicenda.

Ammesso che sia, era ora.

Basta con programmi come Non e’ mai troppo tardi che a fronte di un canone ti davano un servizio.

Mi dicono che sulla televisione pubblica, a fronte di un canone ED un abbonamento alla televisione digitale ED un un abbonamento ad internet veloce ED al possesso di un PC che quindi E’ uno strumento effettivamente atto alla ricezione di programmi radiotelevisivi, ti puoi vedere il remake di Non è mai troppo tardi, in cui insegnano agli anziani l’uso del computer.

Ammesso che sia, perché non insegnano a noi anziani di domani:

1) come arrivare ad essere anziani
2) come potersi permettere di vivere una volta che dovessimo arrivarci.

Troppo tardi?!

Misure strutturali

Un condono l’anno, dopo un po’ è strutturale.

Io e Bonvi

condividevamo una sola cosa:

il non saper disegnare mani e piedi

Solo che nel mio caso è vero…

R 20110615 1528

Clicca

Alla Radio stamattina:

clicca su Radiomontecarlo punto net

Vi spiacerebbe dirmi dove cazzo clicco?

Semmai “Visita”, “Vai su radiomontecarlopuntonet”, “Digita”, “Scrivi”, ma non “clicca su”.
Naviga verso, veleggia digitalmente, esplora internettianamente, naviga retescopicamente.
Ma cosa cazzo clicco?!

Sembra un irrigidimento verso un neologismo da parte di un giovane trombone ©, ma è proprio un fatto (semantico) fondamentale.

Cliccare implica che vi sia un link, un oggetto attivo in una interfaccia, un pulsante di mouse o di trackball (questi sono neologismi e sono benvenuti, sennò dovrei ripiegare su topo o sorcio e magari palla tracciante o sorca per un equivalente femminile di trackball), in assenza del quale non ho una sega da cliccare.

È solo diseducativo in un paese ad alfabetizzazione informatica già nulla.

E certamente lo spot di Radiomontecarlo è in ottima, abbondante compagnia.

R 20110128 1305

Ma che siti frequento?!


E’ inutile prendersi in giro, sono questi i siti che frequento, tipo Quattroruote.