cazzate?!, A corto di

Niente paura, avete letto bene…

Scalate (Il giuoco delL’odi)

La contabilità è una branca disprezzata in tutti i libri di economia, perché tira una riga, somma entrate ed uscite e se alla fine uscite maggiore entrate stai fallendo.
Banale.

L’economia computa (nessuno sa come e qui sta il vantaggio competitivo verso la contabilità) anche cose non valutabili e non quantificabili.

Se contabilmente stai fallendo, ma ci conti il valore che produci (tranquilli, non vuol dire nulla), non solo sei in attivo, ma puoi persino chiamare qualcuno a compartecipare al tuo fallimento vendendogli una quota di nulla (creando ricchezza, dicono così), aumentandone il valore.

Non ci capite un cazzo?
Non che ci sia nulla da capire, certe cose bisogna mandarle a memoria.
E facciamo un esempio…

Ho un’ edicola, che incassa 3.750,00 euro/mese (diconsi Euro tremilasettecentocinquanta//00#).

Essa costa (conto della serva):

300,00 euro/mese di corrente +
2.000,00 circa di forniture =
----------------------------
2.300,00 euro/mese

Quindi mettiamo che il fatto che mi sia alzato per trent’anni alle cinque del mattino mi frutta (esentasse) 1.450,00/mese; dopo trent’anni.

Tu sei un raider, e vieni da me proponendomi l’affare: compro l’edicola.
Io mi chiedo perché, visto che appunto il panorama (figurato) non è edificante; ma sticazzi.

Procediamo con le valutazioni, e mettiamo che l’oggetto del tuo interesse sia valutato (da te), chessò, 200.000,00 euro, tra immobile e attività.

Tu prendi 200.000,00 euro in dieci anni a tasso zero, TAN 0 e TAEG 0 (magara, dacce’r nome de ‘sta finanziaria):

200.000,00 / (12 * 10) = 1.666,67 euro/mese di mutuo.
Ma frutta (esentasse) 1.450,00/mese.

E no, non ci sei, sei sotto di un paio di cento euro al mese, no?!.

Tu ridi (sei un rider…), paghi e saluti.

Tu ridanciano rider, metti il tuo immobile sul mercato, ovvero quella che era la mia edicola, e la proponi a 300.000,00 euro.
Se la vendi ti sei messo in tasca 100.000,00 euro per il solo fatto di esistere.

Per la serie voi comprereste un’auto usata da quest’uomo, voi vi carichereste un mutuo decennale a tasso zero (TAN 0, TAEG 0) per

300.000,00 / (12 * 10) = 2.500,00 euro/mese?

Come no, perché voi riders sapete che il giorno dopo il tutto lo mettete sul mercato a 400.000,00 euro.

* * *

L’economia funziona finché nessuno si chiede come cazzo fa a pagare un buffo da 3.000,00 euro/mese, vivendo e guadagnandone (esentasse) 1.450,00.

E non è difficile, badate; basta non essere l’ultimo della catena, perché quello va in galera e deve aspettare due tornate elettorali.

Faccio solo presenti due cosette, che magari avrete inferito:

1) I mutui vengono erogati col vostro risparmio.
2) L’edicola ha probabilmente chiuso (non è redditizia) già al secondo passaggio.
3) “Esentasse”, in Italia non è un problema.

R 20100811 1833

Mamma è della CIA

Leggo su che un bambino di 5 anni avrebbe rovinato la copertura della mamma, a quanto pare agente della CIA, dichiarandolo pubblicamente.

Nessuno che si sia chiesto perché un bambino di cinque anni sapesse che la madre era della CIA.

– Mamma esiste Babbo Natale?
– Non più figliolo, lo abbiamo fottuto durante l’ultima missione in Nicaragua.

Oppure

– Tesoro la mamma stasera organizza un golpe in una repubblica ex-sovietica e torna in tempo per raccontatrti ancora la favola del Miracolo Italiano, passami papa’…
– Non puo’ mamy, il babbo sta torturando una bionda spia ucraina cercando di soffocarla col pisello, è per quello che sono io a risponderti al suo cellulare segreto…

Fatto sta che la mamma si è dimessa.
Non l’hanno licenziata.

No, si è dimessa…

Medley

We speak all linguages

Tutti insieme a quanto pare…

Sospensione da 300

Macché grandi opere.

Macché inaugurazioni.

Ma quali tagli di nastro.

Ma quali opere letterarie.

Attappate le cazzo di BUCHE.

Oppure non lamentatevi delle gente che gira col gippone nei grandi centri agricoli urbani.

In questi casi 300,00€ alla bisogna, anche tre volte a settimana.

Region code (parla come magni)

C’era un epoca in cui i lettori DVD costavano davvero molto, ma davvero.

Ho fatto una ricerca adesso adesso ed ho scoperto che un lettore DVD con tutte le frocerie immaginabili, che legge tutti i formati del mondo costa la bella cifra di 27,54 euro.

Ovvero MENO di un disco DVD.

Se siamo d’accordo su questo, io passerei all’angolino delle michiate.

Ogni disco DVD può avere, e spesso lo ha, un codice regionale il quale non serve ad un cazzo per due motivi:

1) Siccome un lettore DVD costa meno di un disco DVD, compro due lettori DVD (o più) e mi vedo tutto quello che voglio, al prezzo di 1,5 dischi DVD.

2) Del lettore spaziale da ben 27,54 euro, facendo una ricerchina in rete omettendo il nome del produttore, ho trovato una milionata di siti che spiegano come togliere il codice regionale, più una lunga fila di firmware che consentono di interfacciarlo anche col citofono (insieme al subbufer).

Mammadonna quanto rompe i coglioni il codice regionale se hai solo un computer portatile!

Ma se facciamo una rapida ricerchina in rete scopriamo una valanga di programmini che consentono di rippare il DVD e farne una copia senza alcun codice regionale.

Un altro vagone di risultati spiegano come togliere il blocco regionale dal nostro lettore DVD inbtegrato nel computer portatile.

Non parliamo poi dei marocchini, che vendono DVD rigorosamente senza codice regionale.

C’è uno scienziato che mi spieghi a cosa cazzo serve il codice regionale?

Tranquilli, non lo sa nessuno.

Solo palle (di vetro)

Ragazzi, che vittoria schaicciante…

Abbiamo vinto le elezioni senza un programma!