Armi di distruzione di mamma

Avete presente i pranzi della domenica?

Annunci

Fornesciòn

Lo diceva Ninetto DAVOLI mentre pedalava in dissolvenza una di quelle bici da panettiere (ormai visibili solo in periferia) in una pubblicità degli anni ’70.

Per me bambino era una specie di tarlo che mi girava per la testa, ma che per quanto mi sforzassi continuava a non voler dire un cazzo. Solo col tempo capii che non voleva effettivamente dire un cazzo, ma era solo un modo per vendere un prodotto che poteva solo giocare sul valore comico di chi lo rappresentava.

Esattamente quello che dovrebbe accadere ad un bambino d’oggi nel sentire “devolution“.

R 20101023 1402

Nuntaareg (Nullius amicus magis faber quam liber)

Le librerie sono sempre state oggetti di design, dalla notte dei tempi.
Contemporaneamente i libri sono sempre stati la fonte del sapere, dalla notte dei tempi.

Siccome la gente legge sempre meno, i libri sono sempre più costosi, ma le librerie sono sempre state oggetto di design, i designer hanno pensato di poter continuare ad esercitare sulle librerie, pensandole tuttavia non già per i libri, ma per tutti i ciaffi inconsistenti a doppia vocale:

Cazziväar
Machedeer
Äanveed
VäasDäaNöot
Facagäar
Teloostöop
Vibräathor

fatti in Cina od in Vietnam (i cinesi stanno subappaltando in Vietnam).

Ne segue che se sei un lettore di libri (antico!), e compri una libreria del terzo millennio, ti ritrovi con un oggetto di design che obbedisce alla seguente legge fisica:

(1.1) – Le librerie, se ci metti i libri, si rompono.

da cui discende il seguente corollario:

(1.1.1) – Il falegname, se gli parli di libreria su misura in legno, non pensa al preventivo, ma al montepremi.

R 20120127 1015

Fortu’

Immagine 1

C’è una cosa che i conducenti di Smart non sopportano proprio: qualcuno che guida come loro.

Genova, Napoli, Milano

Il Salone del pesce sostenibile.

Lo fanno a Genova.

Se l’avessero fatto a Napoli, sarebbe l’edizione partenopea del MiSex.

Non per altro (196/2003)

Leggo stamane alla biglietteria della stazione un bel cartellone luminoso:

Per ragioni di privacy gli utenti sono pregati di aspettare il proprio turno

Non è dunque per il motivo, sul quale hanno evidentemente mentito i miei a suo tempo, che attendere il proprio turno è per questioni di senso civico e convivenza civile; non per il fatto che tutti assieme davanti allo sportello (pragmaticamente e senso civico a parte, dunque) il bigliettaio non saprebbe a chi cazzo dare retta.

No, è per la privacy.

Dunque al controllore che mi domandasse dove vado e se ho il biglietto potrei anche dire “si faccia i cazzi suoi” o “Il cliente si avvale della facoltà di non rispondere”?!

Affari suoi (franco concessionario)

Vado in una concessionaria per discutere un acquisto e far valutare la mia macchina attuale.

Valutiamo la permuta.
OK.

Parliamo del nuovo.

Che modello vuole? Ah.
Uhm, accessori? Ah!

Se la vuole così dobbiamo ordinarla.

Ci vorranno sessanta giorni pieni per averla, è un problema?

Dico: No, perché?!

Dice: Perché è un problema per noi, veda… Io la valutazione gliela faccio oggi, ma lei giustamente la macchina me la da fra sessanta giorni, ed io allora ritirerò una macchina che, avendo un anno solare in più varrà sul mercato 4/500 euro in meno.
E poi, vede, lei il saldo me lo da, giustamente, fra sessanta giorni… mi spiego?

No, non ti spieghi, a me che me ne frega?!